Da Alan Turing ai Cyberpunk: la storia della blockchain
60.png

Bitcoin - la prima criptovaluta - e la tecnologia che la supporta, blockchain , non è apparsa da un giorno all'altro. Sono il risultato di oltre 40 anni di ricerca.

Per tutta la prima metà del 20° secolo, diverse iniziative, per la maggior parte legate all'esercito, hanno gettato le basi tecniche della crittografia , disciplina per lungo tempo tenuta segreta dai governi. Anni dopo, sulla base di quei progressi matematici, sono stati sviluppati una serie di algoritmi che hanno consentito la creazione della "crittografia a chiave pubblica", un passaggio essenziale nello sviluppo di blockchain e bitcoin. Ma fu solo negli anni '90 che un altro gruppo di progetti informatici, legati alla libertà di informazione e alla ricerca di un sistema decentralizzato, rese possibile la pubblicazione di Bitcoin P2P e-cash , la prima pietra miliare nella creazione della criptovaluta.

L'intero processo storico è legato ad un cambio di paradigma con significative conseguenze economiche : l'eliminazione della figura dell'intermediario per validare le transazioni. Rendere superfluo avere una terza parte in uno scambio di valore presuppone un enorme risparmio sui costi, un fatto che ha reso questa tecnologia particolarmente appetibile per le aziende .

Crittografia: il cuore della blockchain

La crittografia è essenziale per la blockchain, dove le informazioni sono condivise in formato crittografato da enormi reti di computer , senza alcuna gerarchia. Il primo ambito di attività a prendere coscienza del potere di questa disciplina -definita dall'Accademia Reale di Spagna come "l' arte di scrivere in chiave segreta , o in modo enigmatico"- è stato il militare.

Durante la seconda guerra mondiale, i governi sono diventati consapevoli dell'importanza della crittografia per la codifica e la decodifica delle informazioni. La storia di Alan Turing , brillante matematico britannico considerato il padre della crittografia , fa già parte della cultura popolare. Come raccontato nel film The Imitation Game, riuscì a decifrare i codici di " Enigma ", la macchina usata dai tedeschi per le loro comunicazioni durante la seconda guerra mondiale , che diede un enorme vantaggio agli alleati.

Gli americani fecero qualcosa di simile durante la Guerra nel Pacifico : decifrarono il Purple Code , la macchina di cifratura usata dal Giappone durante la guerra. Questi risultati hanno reso la crittografia una disciplina essenziale per i governi , che hanno preferito mantenerla come segreto di stato a causa della sensibilità del suo utilizzo durante la guerra.

La situazione iniziò a cambiare negli anni '70 , quando un gruppo di visionari portò avanti la propria ricerca per rendere più accessibile la libertà di comunicazione offerta dalla crittografia. Senza saperlo stavano gettando le basi intellettuali di blockchain e bitcoin.

Una storia di algoritmi

Nel 1976 Whitfield Diffie e Martin Hellman crearono l' algoritmo Diffie-Hellman , con il quale speravano di spezzare in due chiavi crittografate , in modo che ce ne fosse una pubblica e una privata. Con una chiave pubblica è possibile crittografare un messaggio ma per decifrarlo è necessaria una chiave privata.

Un altro progresso decisivo è stata la creazione dei Merkle Trees da parte dell'informatico americano Ralph Merkle. Inoltre, quasi nello stesso momento in cui Diffie e Hellman hanno pubblicato il loro algoritmo, la Merkel ha scoperto il suo enigma . I tre sono considerati i creatori della crittografia a chiave pubblica .

Appena un anno dopo l' algoritmo Diffie-Hellman , gli americani Ron Rifest, Adi Shamir e Leonard Adleman inventarono l'algoritmo RSA (dal nome delle iniziali dei loro cognomi) per generare chiavi , crittografare e decifrare i messaggi.

Per dimostrare la forza del loro codice, hanno pubblicato un test per i lettori di una rivista, che consisteva nel decifrare un messaggio in cambio di $ 100. Nessuno è riuscito a farlo fino alla metà degli anni '90, quando Derek Atkins, Michael Graff, Arjen K. Lenstra e Paul C. Leyland hanno deciso di mettere computer di persone diverse in tutto il mondo a lavorare sullo stesso problema, in modo da accumulare più potenza di calcolo.

 

Gli anni '90 e il cyberpunk

Con queste basi tecniche consolidate, nel corso degli anni '90 è stata data un'altra spinta alle tendenze che si sarebbero poi cristallizzate in blockchain e bitcoin. Degni di nota sono PGP –Pretty Good Privacy di Phil Zimmermann (1991), il primo software di crittografia ampiamente utilizzato , e la Electronic Frontier Foundation (EFF, creata nel 1990), che ha dato origine al manifesto cripto-anarchico di Tim May , uno dei i testi di riferimento in questa storia.

Questi fenomeni facevano parte del movimento cyberpunk , che difendeva la libertà di espressione, l'accesso alle informazioni e la privacy come elementi fondamentali che dovrebbero essere protetti e promossi dalla tecnologia e dalla crittografia.

I semi del bitcoin erano ormai stati seminati, ma è giusto ricordare che prima c'erano altri precedenti che sono andati nel dimenticatoio, come Digicash, Hashcash, Bitgold, di Nick Szabo (che ha delineato il concetto di smart contract) , o B-Money , di Wei Dai.

Il 31 ottobre 2008, Satoshi Nakamoto ha pubblicato lo studio su cui stava lavorando: Bitcoin P2P e-cash , un sistema di moneta elettronica "peer-to-peer" senza intermediari. Meno di un anno dopo, il 3 gennaio 2009, è stato generato il primo blocco della blockchain di bitcoin, chiamato blocco Genesis , che ha segnato l'inizio della rete Bitcoin.

Infine, cinque giorni dopo, l'8 gennaio 2009, Satoshi Nakamoto , il creatore (o creatori, in quanto la sua vera identità non è stata confermata) di bitcoin, pubblicò Bitcoin v0.1 rilasciato , annunciando la prima transazione con la criptovaluta.