5 motivi per cui bitcoin non è uno Schema Ponzi
Progetto senza titolo (1).png
Ci sono state molte discussioni sugli esperti che credono che Bitcoin sia uno schema Ponzi o uno schema piramidale mondiale. Quando disperso tra le masse, questa opinione potrebbe aver influenzato molte menti per evitare del tutto il settore delle criptovalute. Questo non è molto piacevole poiché impedisce alle persone di scoprire le possibilità e le meraviglie delle criptovalute. 
Bitcoin è stato un vantaggio per il settore delle criptovalute e ha portato successo a molte aziende, investitori e artisti in modi diversi. Quindi, per giustificare l'idea che sia correlato agli schemi Ponzi, specialmente quando questo argomento unilaterale viene espresso in modo massiccio in tutto il mondo, è importante sapere anche cosa fa sì che le altre persone non credano che Bitcoin sia uno schema Ponzi.
Con così tanti risultati in Bitcoin già in corso, ascoltare le discussioni sul confronto tra Bitcoin e schemi Ponzi potrebbe aver fatto sentire a molti che non gli sono stati mostrati tutti i lati dell'argomento. Se sei una di quelle persone, non preoccuparti; in questo articolo condivideremo con voi cinque motivi per cui è sbagliato dire che Bitcoin è uno schema Ponzi.
Innanzitutto, facci sapere cosa sono gli schemi Ponzi. Gli schemi Ponzi sono un tipo di frode sugli investimenti in cui gli investitori esistenti vengono compensati con fondi raccolti da nuovi investitori. I truffatori che pianificano schemi Ponzi offrono spesso di investire i tuoi fondi e guadagnare alti rendimenti con poco o nessun rischio. I truffatori in molti schemi Ponzi non investono quei soldi. Invece, lo utilizzano per compensare gli investitori precedenti, possibilmente tenendo parte del denaro per se stessi.
Ora affronteremo i punti sollevati da coloro che credono che Bitcoin sia uno schema Ponzi condividendo anche le ragioni alla base di quei punti che non hanno senso. Entriamo nel merito!
1. Bitcoin non ha mai promesso alcun ritorno sull'investimento
Per il primo decennio dell'introduzione di Bitcoin, Bitcoin è stato riconosciuto come una speculazione ad alta volatilità. Bitcoin non ha avuto alcun prezzo quotabile per il primo anno e mezzo, poi ha avuto un prezzo estremamente volatile.
Gli scritti digitali di Satoshi sono ancora disponibili e raramente ha menzionato il guadagno finanziario. Ha scritto principalmente su questioni tecniche, come la libertà, le attuali sfide del settore bancario e così via. La promessa di uno schema Ponzi di rendimenti degli investimenti anormalmente elevati o coerenti è una classica bandiera rossa, eppure il Bitcoin originale di Satoshi non aveva tale promessa. Gli investitori di Bitcoin hanno spesso anticipato valori molto alti nel tempo, ma il progetto stesso non ha menzionato tali previsioni sin dall'inizio.
2. Bitcoin non si basa sulla segretezza
La maggior parte degli schemi Ponzi si basa sulla segretezza. Se gli investitori si rendessero conto che un investimento in Bitcoin di loro proprietà era uno schema Ponzi, si sforzerebbero di ottenere i loro soldi il prima possibile. A causa della segretezza, il mercato non sarebbe stato in grado di valutare l'investimento fino a quando il segreto non fosse stato rivelato correttamente.
Ad esempio, gli investitori nello schema Ponzi di Bernie Madoff credevano di avere un portafoglio diversificato di attività. I precedenti prelievi degli investitori venivano ripagati da nuovi afflussi di investitori piuttosto che denaro creato da investimenti significativi. Gli investimenti riportati nelle loro dichiarazioni erano falsi e sarebbe altamente impossibile verificare che fossero falsi per uno di quei clienti.
Bitcoin, d'altra parte, si basa sull'insieme opposto di principi. Ogni riga di codice è nota in Bitcoin come un pezzo distribuito di software open source che richiede il consenso della maggioranza per l'aggiornamento e nessun potere centrale può cambiarlo. Uno degli obiettivi principali di Bitcoin è verificare anziché fidarsi.
L'intera premessa di Bitcoin è che è immutabile e auto-verificabile, senza fare affidamento su terze parti. Bitcoin può essere spostato solo con la chiave privata associata a un indirizzo specifico e nessuno può impedirti di farlo se usi la tua chiave privata per farlo.
Naturalmente, ci sono alcuni personaggi cattivi nell'ecosistema. Gli scambi di terze parti possono essere fraudolenti o compromessi. Le persone possono essere indotte con l'inganno a esporre le proprie chiavi private o le informazioni sull'account tramite tentativi di phishing o altre frodi. Tuttavia, questi non sono correlati a Bitcoin e gli utenti che usano Bitcoin devono capire come funziona il sistema per evitare di cadere preda di truffe nell'ecosistema.
 
3. Bitcoin non ha promesso premi 
Quando si tratta di discutere contro l'idea che Bitcoin sia uno schema Ponzi, Bitcoin è molto avanti rispetto alla maggior parte delle altre risorse digitali senza il concetto di pre-mine. Satoshi ha dimostrato come farlo pubblicando il suo whitepaper con mesi di anticipo e quindi rilasciando il progetto come progetto open source il primo giorno della generazione di monete spendibili, senza pre-mine.
A differenza di molti altri blockchain , Bitcoin è stato sviluppato organicamente attraverso un gruppo rotante di importanti parti interessate e donazioni volontarie degli utenti piuttosto che attraverso un pool di capitale pre-minato o prefinanziato.
 
4. Bitcoin si è evoluto senza alcun leader centrale
Una delle cose che rende Bitcoin così affascinante è che è l'unico grande asset digitale che ha prosperato senza un leader centralizzato. Satoshi lo ha fondato sotto uno pseudonimo, ha collaborato con altri per gestirlo durante i primi due anni di sviluppo sui forum pubblici, e poi è scomparso. Pertanto, non esiste una mente centrale che tragga beneficio da quello che dovrebbe essere uno schema Ponzi.
Altri sviluppatori hanno poi assunto il ruolo di continuare a sviluppare e promuovere Bitcoin. Alcuni sviluppatori sono stati cruciali, ma nessuno è fondamentale per il continuo sviluppo o funzionamento del progetto. Anche dopo Satoshi, il secondo gruppo di sviluppatori ha selezionato principalmente percorsi diversi.
5. Bitcoin non è regolamentato
Bitcoin avrebbe potuto essere un investimento non registrato nelle sue fasi iniziali, ma ora ha una casa nei quadri fiscali e normativi di tutto il mondo. Sebbene i regolamenti si modifichino nel tempo, il bene è diventato popolare. È così comune che Fidelity e altri depositari lo tengano per clienti istituzionali e che JP Morgan abbia obiettivi di prezzo per esso.
Gli unici fattori nell'elenco bandiera rossa degli schemi Ponzi che potrebbero applicarsi a Bitcoin riguardano gli investimenti non regolamentati. Ma questo non implica che qualcosa sia uno schema Ponzi; invece, indica che è stato sollevato un segnale di avvertimento e gli investitori dovrebbero procedere con cautela.
Bitcoin è un ottimo investimento
Grazie alla sua massiccia capitalizzazione di mercato di oltre $ 1 trilione e milioni di utenti, Bitcoin è considerata una delle criptovalute più efficienti mai lanciate. Non temete, bitcoin è un ottimo investimento, parola di Finbase.