Exchange-traded funds (ETF)
etff.jpg

Definizione

I fondi negoziati in borsa, meglio conosciuti come ETF, sono simili in molti modi ai fondi comuni di investimento. In genere tracciano il prezzo di un bene (come l'oro) o di un paniere di beni (come l'S&P 500). E come suggerisce il nome, fanno trading in borsa e possono essere acquistati e venduti come azioni tramite un conto di intermediazione tradizionale.

I fondi negoziati in borsa, meglio conosciuti come ETF, sono simili in molti modi ai fondi comuni di investimento. In genere tracciano il prezzo di un asset (come l'oro) o di un paniere di asset (come l'S&P 500), rendendo facile per gli investitori diversificare i propri portafogli accedendo a un'intera classe di asset. Come suggerisce il nome, fanno trading in borsa e possono essere acquistati e venduti come azioni tramite un conto di intermediazione tradizionale. 

Attualmente ci sono diversi popolari ETF di monitoraggio di Bitcoin in Canada e America Latina e un certo numero di aziende statunitensi ha fatto domanda alla Security and Exchange Commission (SEC) per quotare e negoziare ETF BTC sulle borse statunitensi. Questi fondi consentirebbero agli investitori americani di ottenere un'esposizione finanziaria alle criptovalute attraverso i loro conti di intermediazione senza acquistare o gestire direttamente i bitcoin stessi.

Perché gli ETF sono importanti?

Gli ETF sono estremamente popolari. Nel 2020, $ 7,74 trilioni di asset in tutto il mondo sono stati investiti in ETF , quasi sei volte più di un decennio fa. E grazie a un'esplosione di interesse per gli investimenti su indici a bassa commissione, gli ETF hanno generato una categoria completamente nuova di società finanziarie: i cosiddetti roboadvisor come Betterment e Wealthfront che investono quasi esclusivamente in ETF. 

Quindi è probabilmente un buon momento per imparare finalmente cosa sono. Pensa agli ETF come al cugino comune di un'azione e di un fondo comune di investimento. Mentre i fondi comuni di investimento sono in circolazione da quasi 100 anni, gli ETF sono apparsi negli Stati Uniti solo nel 1993, quando State Street Capitol ha lanciato il suo ETF mirroring S&P 500 (soprannominato "il ragno"), che viene scambiato ancora oggi. Con circa 350 miliardi di dollari in gestione, rimane il più grande ETF esistente.

Come funzionano gli ETF?

Come i singoli titoli, gli ETF sono quotati in borse come la Borsa di New York, il Nasdaq e la Borsa di Shanghai. Inoltre, come le azioni, il loro prezzo delle azioni salirà e diminuirà durante l'orario di negoziazione, una delle principali differenze tra ETF e fondi comuni di investimento. I valori patrimoniali netti dei fondi comuni di investimento, o NAV, sono quasi sempre prezzati solo una volta al giorno, normalmente dopo la chiusura delle borse. Gli ETF in genere tracciano dinamicamente il prezzo delle loro parti componenti, attraverso un processo di acquisto e vendita delle parti componenti ogni volta che il prezzo di entrambe inizia a divergere. 

Come i fondi comuni di investimento, la maggior parte degli ETF opera come una sorta di involucro che avvolge molti singoli titoli. Ciò rende sia i fondi comuni di investimento che gli ETF un modo naturalmente attraente per gli investitori al dettaglio di diversificare i propri portafogli aggiungendo molti titoli, obbligazioni o altri tipi di investimenti con un singolo acquisto.

ETF e fondi comuni di investimento a confronto

Le due classi di attività sono simili in molti modi. Ma ci sono molte distinzioni interessanti. 

  • I fondi comuni di investimento possono richiedere o meno un investimento minimo specifico. Gli ETF, d'altra parte, sono venduti per azione o quota frazionata, fornendo una bassa barriera all'ingresso. 

  • Gli ETF sono emessi da società di marchi come Vanguard e Schwab, ma a differenza dei fondi comuni di investimento, in genere non vengono acquistati direttamente da un emittente di fondi, ma piuttosto da un altro investitore in borsa. 

  • Poiché sono attivamente scambiati sui mercati, i prezzi degli ETF a volte possono deviare dal valore dei loro investimenti sottostanti. (In genere, tuttavia, gli ETF tendono a seguire abbastanza da vicino il prezzo delle loro attività sottostanti.) 

  • A differenza di molti fondi comuni di investimento, gli ETF sono generalmente gestiti in modo passivo, il che significa che non c'è un gestore di fondi umano curvo su un terminale Bloomberg che decide quali azioni aggiungere o togliere dal fondo. Invece, gli algoritmi informatici spesso fanno il lavoro pesante effettuando operazioni ETF. Poiché non ci sono stipendi dei gestori di fondi da pagare, gli ETF hanno generalmente costi operativi e rapporti di spesa inferiori rispetto ai fondi comuni di investimento a gestione attiva. 

  • Poiché i gestori di fondi comuni di investimento possono effettuare una quantità significativa di scambi di attività all'interno e all'esterno del fondo, i loro fondi possono essere soggetti a notevoli imposte sulle plusvalenze, il che può creare un freno ai rendimenti. Gli ETF generalmente rispecchiano la composizione e la ponderazione degli indici esistenti, come l'S&P 500 per le azioni a grande capitalizzazione, il Russell 2000 per le azioni a piccola capitalizzazione o l'indice Bloomberg Barclays US Treasury 1-3 Year per i titoli di Stato. 

  • Gli ETF possono anche essere indicizzati al mercato di un singolo asset, come quello dell'oro. Un ETF BTC sarebbe simile a un fondo del genere.

 

ETF specializzati

Tuttavia, gli ETF non sono tutti passivi. Prendi il popolare ARK Innovation ETF (ARKK), che investe attivamente in aziende che il suo manager, Cathie Wood, ritiene siano dirompenti, come Tesla. ETF come questo non sono economici: ARKK ha un rapporto di spesa dello 0,75% (che rappresenta la parte delle attività del fondo utilizzata per le spese amministrative e altre spese operative), il che lo rende costoso da detenere quanto i fondi comuni di investimento più diffusi come l'offerta Magellan di Fidelity. Altri ETF sono prodotti praticamente identici ai fondi comuni offerti dalla stessa azienda. Vanguard, che ha rivoluzionato gli investimenti a bassa commissione, offre sia un fondo comune di investimento a gestione passiva che un ETF che seguono entrambi l'S&P 500. (Anche se i loro rendimenti sono quasi identici, la versione ETF può essere interessante perché il fondo comune richiede un minimo di $ 3.000 investimento.quella che consente ai cattolici di investire solo in società che aderiscono alle linee guida stabilite da una conferenza dei vescovi statunitensi). E ovviamente ci sono molte opzioni finanziariamente esoteriche, come gli ETF con leva finanziaria che amplificano i guadagni e le perdite di mercato e i fondi negoziati in borsa inversa, progettati per prosperare mentre i loro indici sottostanti scendono. Prima di investire in un ETF è una buona idea esaminare qualsiasi materiale divulgato (spesso sul sito web dell'ETF) per assicurarti di capire cosa stai acquistando. Consulta un consulente autorizzato per gli investimenti se hai domande sulla tua strategia finanziaria.