Web 3.0 e Internet of Things
iot.png

Una breve storia di Internet

Da quando Internet è stato ampiamente adottato alla fine degli anni '90, il web si è intrecciato sempre più profondamente con la nostra vita quotidiana. Ma l'ecosistema complesso e spesso invisibile di tecnologie, protocolli e reti che consente a Internet di funzionare è in un costante stato di flusso. Allo stesso modo, anche l'esperienza degli utenti con Internet è in continua evoluzione. Il Web 3.0 è un concetto generale che si riferisce alla fase successiva dell'evoluzione di Internet, definita dal decentramento e dalla sovranità dell'utente, insieme a un incredibile approfondimento delle esperienze e dell'utilità che gli esseri umani traggono dal mondo online.

Per comprendere meglio il Web 3.0 e le sue entusiasmanti implicazioni, è utile vederlo nel contesto della traiettoria evolutiva di Internet e dei limiti del nostro attuale modello di Internet.

  • Web 1.0: la prima iterazione di Internet è stata popolata principalmente con pagine Web HTML statiche che visualizzano dati non interattivi e di origine centralizzata. Di conseguenza, la stragrande maggioranza degli utenti Web erano semplici consumatori di contenuti Web e le comunicazioni digitali erano in gran parte limitate alle e-mail e alla messaggistica unidirezionale di base. Nonostante queste limitazioni, dopo il lancio negli anni '90, il Web 1.0 ha rapidamente rivoluzionato il modo in cui le persone si connettono e scambiano informazioni e ha introdotto un nuovo mondo digitale di cui da allora l'umanità è stata affascinata.

  • Web 2.0 : negli anni 2000, Internet originale si è gradualmente evoluto nel panorama digitale più interattivo che frequentiamo oggi. Questa fase dello sviluppo di Internet, il Web 2.0, ha consentito la facilitazione di esperienze online più coinvolgenti e sociali e ha dato origine a nuovi modelli di business abilitati da effetti di rete, contenuti crowdsourcing e flussi di dati multidirezionali. In breve, mentre il Web 1.0 ha consentito ai dati di essere presentati e consumati in modo più efficace dagli utenti, il Web 2.0 ha aperto le porte a un Internet più personalizzato tramite interazioni utente multicanale e algoritmi più dinamici e reattivi.

 

Mentre il Web 2.0 consente a più utenti di interagire e partecipare alla creazione di contenuti Web, questo modello attuale è integrato con diversi problemi persistenti. Internet è attualmente dominato da una manciata di conglomerati tecnologici che fungono da guardiani e curatori dell'accesso alle informazioni. E anche se a volte Internet può sembrare relativamente aperto, le nostre informazioni personali vengono costantemente monitorate e archiviate da queste aziende e da altre applicazioni Web, in particolare con l'aumento della pubblicità programmatica.

Inoltre, l'attuale modello di Internet si basa in gran parte su server e protocolli centralizzati per funzionare, che forniscono punti di errore centralizzati che possono essere presi di mira da attori malintenzionati, spesso con conseguenti massicce violazioni dei dati o distruzione economica diffusa. Con le preoccupazioni per la privacy su Internet, la portabilità dei dati e l'identità sovrana che stanno rapidamente diventando problemi principali, c'è stato uno sforzo più concertato per accelerare il prossimo cambiamento di paradigma nelle applicazioni Internet.

Il graduale passaggio al Web 3.0

Il Web 3.0 è stato deliberatamente progettato per affrontare i problemi prevalenti e potenzialmente problematici inerenti all'ecosistema Internet di oggi. Tuttavia, non esiste un'autorità centralizzata che sovrintende allo sviluppo di questa Internet nuova e aperta. Al contrario, si stanno facendo progressi grazie agli sforzi di un assortimento di imprese private, organizzazioni senza scopo di lucro e individui allineati in modo approssimativo. Queste entità disparate si stanno avvicinando allo sviluppo del Web 3.0 in vari modi, con organizzazioni come la Web3 Foundation principalmente focalizzate sulla definizione di linee guida per l'intero sistema Web 3.0 mentre aziende come ConsenSys Labs stanno aiutando gli imprenditori a costruire le applicazioni decentralizzate (dApp) che possono alla fine popolare il panorama digitale del Web 3.0.

Mentre i vari team e sviluppatori indipendenti che lavorano sulle funzionalità del Web 3.0 variano in strategia e approccio, la maggior parte dei tentativi di creare framework o applicazioni funzionanti per il nuovo centro Internet sull'uso della blockchain , la cui tecnologia Distributed Ledger risolve efficacemente molti dei problemi sottostanti inerenti a Web 2.0 e può essere implementato in modo da aumentare e connettere altre tecnologie all'avanguardia.

 

Più specificamente, la blockchain è essenziale per la formazione del Web 3.0 perché è:

  • Aperta: da quando il concetto di blockchain è stato introdotto nel white paper Bitcoin di Satoshi Nakamoto , la tecnologia è stata definita da un ethos collaborativo e open source che converte i concetti di accessibilità, equità e governance della comunità in servizi e protocolli web reali. E, sebbene possano esserci casi d'uso specifici per blockchain private , la maggior parte dei sostenitori della blockchain crede che il vero potenziale della tecnologia risieda nelle blockchain pubbliche onnipresenti che presentano transazioni e record di dati trasparenti.

  • Trustless: oltre ad essere trasparenti, i record blockchain sono anche resistenti alla censura e immutabili. Le regole che regolano il modo in cui le transazioni vengono eseguite e archiviate su un registro blockchain sono dettate da contratti intelligenti e altri protocolli hard-coded, il che significa che gli utenti possono fare affidamento sulla validità delle prestazioni o dell'output della rete senza la necessità di fidarsi di nessun altro sulla rete. Di conseguenza, la tecnologia blockchain mitiga i rischi di opacità operativa, regole applicate in modo selettivo e altre forme di offuscamento o parzialità e fornisce un mezzo decentralizzato per proteggere transazioni e dati.

  • Senza autorizzazione: il Web decentralizzato, Web 3.0, avrà successo solo se consentirà agli utenti di interagire tra loro senza la necessità di autorità centralizzate e altri intermediari di terze parti. A tal fine, i meccanismi di consenso decentralizzato e la crittografia della tecnologia blockchain consentono il trasferimento sicuro ma flessibile di informazioni e valore senza la necessità di autorizzazioni esterne.

Esistono numerosi progetti blockchain promettenti che stanno lavorando alla creazione del Web 3.0, con Ethereum attualmente in testa al gruppo in termini di adozione da parte degli utenti e ampiezza di portata. Tuttavia, poiché l'obiettivo del Web 3.0 è consentire un Internet più decentralizzato e collaborativo, i vari progetti blockchain che lavorano per creare il Web 3.0 dovrebbero essere visti come uno sforzo collettivo piuttosto che una gara in cui verrà incoronato un solo vincitore. 

L'architettura del Web 3.0: il Web decentralizzato

Sebbene l'intera architettura di base del Web 3.0 debba ancora essere stabilita, esiste un ampio consenso su alcune delle caratteristiche generali che presenterà questa nuova versione di Internet:

  • Web semantico: come parte del modello operativo sottostante, il Web 3.0 dovrebbe essere in grado di analizzare e agire su un ampio ecosistema di contenuti digitali formando associazioni complesse tra servizi Web, comportamento degli utenti e altri dati contestuali. Questa svolta consentirà un livello senza precedenti di connettività dati e segnerà un significativo allontanamento dall'attuale modello Internet, che si concentra su parole chiave e valori numerici strutturati. L'obiettivo del Web semantico in molti modi è rendere i dati di Internet leggibili da una macchina, aumentandone l'efficienza e l'efficacia complessive su vasta scala.

  • Intelligenza artificiale: il web semantico del Web 3.0 sarà abilitato da un software avanzato di intelligenza artificiale (AI) in grado di decifrare il linguaggio naturale e comprendere l'intenzione dell'utente. Di conseguenza, ci si aspetta che la nuova Internet fornisca interazioni più intuitive e incentrate sull'utente rispetto all'attuale Internet, che dipende ancora in gran parte dagli input diretti degli utenti. Questi processi di intelligenza artificiale svolgeranno anche un ruolo centrale nel mantenere l'integrità dell'ecosistema di contenuti del Web 3.0 separando le informazioni affidabili da post di bassa qualità o fraudolenti.

  • Immersione visiva: la tecnologia attuale offre già un'impressionante gamma di esperienze abilitate alla realtà virtuale/realtà aumentata (VR/AR). Tuttavia, si prevede che il Web 3.0 espanda l'uso della grafica 3D e delle tecnologie VR in un modo che offusca i confini tra il mondo fisico e quello digitale. Con il Web 3.0 che consente il rendering di oggetti fisici nel regno digitale e viceversa, questa tecnologia immersiva consentirà nuovi modi di interagire con prodotti e servizi e visualizzare o recuperare informazioni.

  • Dati sicuri e ubiquitari: mentre il Web 3.0 darà ascolto a una nuova era di dispositivi Internet of Things (IoT) interconnessi e interoperabilità multipiattaforma, i dati archiviati e condivisi su questa nuova Internet saranno anche più sicuri e applicati in modo flessibile rispetto ai dati Web attuali. Ciò sarà reso possibile dall'infrastruttura di rete decentralizzata del Web 3.0, che aiuta a eliminare gli intermediari senza valore aggiunto, a eliminare il rischio di guasti del server centralizzato e a consentire agli utenti di possedere completamente i propri dati. Il Web 3.0 può anche consentire alle applicazioni di essere più indipendenti dai dispositivi, consentendo a diversi tipi di piattaforme hardware e software di interagire tra loro senza alcun attrito operativo o costi di sviluppo aggiuntivi.

In quanto tale, Web 3.0 segna un nuovo paradigma online che incapsula una vasta gamma di applicazioni web decentralizzate all'avanguardia, costruite attorno a tecnologie all'avanguardia come AI, dispositivi IoT e VR/AR. Queste innovazioni chiave saranno collegate e abilitate tramite la tecnologia blockchain Web 3.0, che fornisce l'infrastruttura di rete decentralizzata ma sicura necessaria per portare a compimento il Web 3.0.

Il Web 3.0 mette l'umanità al primo posto

La rivoluzione agricola ha permesso all'umanità di proliferare e creare strutture sociali complesse, ma ha anche portato a disuguaglianze più diffuse, ecosistemi destabilizzati e l'aumento di pandemie globali. Allo stesso modo, le prime iterazioni di Internet hanno portato innumerevoli benefici all'umanità, ma a scapito della privacy personale, dell'armonia sociale e della rinuncia al controllo sul nostro sé digitale.

Il Web 3.0 è una rivoluzione tecnologica diversa da molte altre in quanto è specificamente progettato per potenziare gli individui e le comunità locali piuttosto che amplificare le gerarchie che hanno a lungo dettato la traiettoria della società. Allo stesso tempo, questa nuova Internet non vuole essere una creazione anti-establishment, dato che questo ecosistema online trasparente e sicuro darà origine a nuovi entusiasmanti modelli di business e strutture di governance partecipativa.