• Filippo D'agostini

Banche egiziane pronte a lanciare un fondo fintech multimilionario

Stando a quanto riferito, le banche egiziane sono in procinto di lanciare un fondo da 69,6 milioni di dollari destinato a sostenere le società fintech del paese.


App Fintech mirate

Saranno prese di mira anche le app fintech in grado di estendere i servizi bancari e finanziari a tutti i segmenti della società in modo conveniente. Finora, solo la Banca nazionale d'Egitto, Banque Misr e Banque du Caire sono state identificate come istituzioni finanziarie che partecipano a questa iniziativa.


Fintechnews Africa rivela in un rapporto che "gli investimenti del fondo saranno effettuati in società fintech emergenti locali e internazionali". Il rapporto aggiunge che una parte dei fondi sarà utilizzata per coltivare "giovani talenti in questo spazio".


Oltre ad aiutare le aziende fintech a crescere, avere questo fondo dovrebbe aiutare il paese a ridurre il divario di esclusione finanziaria. Con il 67% della sua popolazione adulta attualmente esclusa finanziariamente, l'Egitto rimane uno dei paesi più privi di banche al mondo.



Il divario di esclusione finanziaria dell'Egitto

Aggiungendo il fondo fintech ai fondi già esistenti in Egitto, le aspettative sono che ciò porterà servizi finanziari ai gruppi esclusi dell'Egitto. Una riduzione del divario di esclusione finanziaria potrebbe a sua volta portare alla crescita economica.


Per quanto riguarda la decisione delle tre banche egiziane di creare il fondo fintech, il rapporto suggerisce che ciò potrebbe essere stato reso necessario dal desiderio delle banche di tenersi al passo con le ultime tendenze fintech. Citando un comunicato diffuso dalle banche, il rapporto afferma:

"La partecipazione delle banche a questo fondo deriva dalla loro convinzione nell'importanza di stare al passo con gli sviluppi globali nel campo della tecnologia finanziaria, che è il futuro del settore bancario e finanziario in Egitto e nel mondo".

2 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti