• Leonardo Trincia

Crypto Community discute la guerra in Ucraina l'importanza delle criptovalute e il futuro di Bitcoin

Nel corso delle sessioni di trading mattutine di giovedì (EST), le statistiche di 24 ore mostrano che l'economia delle criptovalute è scesa di oltre l'11% in valore rispetto al dollaro USA. Mentre la principale risorsa crittografica bitcoin ha perso quasi il 10%, una miriade di risorse digitali alternative ha perso quasi il 20% in valore. La flessione del mercato delle criptovalute è stata attribuita alla Russia che ha invaso i confini dell'Ucraina quando le truppe del presidente russo Vladimir Putin sono entrate nel paese prima dell'alba del 24 febbraio. La comunità della valuta digitale ha discusso la situazione e molti sostenitori delle criptovalute hanno opinioni diverse sull'attuale rischio geopolitico e sul suo effetti futuri sulla criptoeconomia.



A seguito del rapporto Bitcoin.com News pubblicato mercoledì sera (EST), i media hanno rivelato che le truppe russe hanno invaso l'Ucraina e sono stati commessi atti di guerra. Sebbene la portata dell'attacco sia incerta, i rapporti indicano che sono stati lanciati missili da crociera e ci sono state alcune esplosioni adiacenti all'aeroporto internazionale di Kiev.


Come rilevato ieri dalla nostra redazione, la tensione geopolitica ha causato un forte calo di valore dei mercati azionari e delle criptovalute. Al momento in cui scriviamo, l'intera cripto-economia ha perso l'11,1% e, poco prima della campanella di apertura di giovedì, i future indicano che le azioni di Wall Street sono in una giornata di trading volatile.


Nel frattempo, i sostenitori delle criptovalute stanno parlando della situazione di Russia e Ucraina in modo molto dettagliato e stanno discutendo teorie sul futuro dei mercati delle criptovalute nel mezzo dell'escalation del conflitto.


Ad esempio, il "gestore di hedge fund riformato" e sostenitore del bitcoin James Lavish ha detto ai suoi 18.000 follower su Twitter: "Se vendi bitcoin qui per paura di guerre e disordini civili, non hai assolutamente idea di cosa possiedi e perché è così di vitale importanza per il mondo in questo preciso momento”.


Anche il CEO di FTX Samuel Bankman-Fried ha discusso della situazione in Ucraina e ha sottolineato che la guerra è "davvero negativa per il mondo". Bankman-Fried ha inoltre osservato che i sistemi finanziari e le valute dell'Europa orientale stavano subendo l'ira della tempesta.


"Ha senso che le azioni siano in ribasso", ha affermato il CEO di FTX . “La guerra è, generalmente, brutta. Cosa dovrebbe fare BTC qui? — Se il mondo diventa più schifoso, le persone hanno meno soldi gratis. Fondamentalmente, vendere BTC , insieme ad azioni, ecc., per pagare la guerra".

Il dirigente di FTX ha aggiunto: " D'altra parte, questo è probabilmente destabilizzante per le valute dell'Europa orientale. E, più in generale, per i sistemi finanziari dell'Europa dell'Est. Il che significa che potrebbero cercare alternative. Se tu fossi in Ucraina in questo momento, dove ti fideresti dei tuoi soldi?"


Molti sostenitori delle criptovalute hanno continuato a sottolineare che, nonostante la carneficina del mercato, le criptovalute resistenti alla censura sono molto importanti in periodi come questi.


"C'è una guerra in corso fuori", ha scritto un individuo su Twitter. “Sono tentato di dire 'la crittografia non ha importanza oggi.' Ma questo è BS. Finché il mondo è alimentato dalla tradizionale macchina da stampa di denaro, le guerre per sempre continuano. L'adozione di bitcoin [e] la tecnologia blockchain separeranno gli stati-nazione dalle banche".


"Non è la terza guerra mondiale, è il momento migliore per lanciarsi nel bitcoin", ha twittato un altro individuo . Il CEO di Microstrategy Michael Saylor ha sostituito il vecchio adagio "dai una possibilità alla pace" con la parola bitcoin e ha detto : "Dai una possibilità ai bitcoin".


Naturalmente, il gold bug ed economista Peter Schiff ha lanciato i suoi due centesimi sull'invasione russa, la Fed, l'oro e il bitcoin.


"Forse, la Fed è sollevata dal fatto che la Russia abbia invaso l'Ucraina poiché ora ha una scusa per non aumentare i tassi di interesse a marzo",ha twittto Schiff . “Se non fosse stato questo sarebbe stato qualcos'altro, ma per quanto riguarda le scuse, questa è difficile da superare. L'oro è salito dell'1,5% e il bitcoin è sceso del 5,5% al ​​telegiornale". Schiff crede fermamente che le sanzioni alla Russia potrebbero finire per far salire l'inflazione ancora più in alto per gli americani. Altri osservatori sono d'accordo con Schiff e pensano che la Fed non accetterà la responsabilità fiscale dopo l'invasione russa.


Un sostenitore delle criptovalute sui social media ha insistito: " L'inflazione peggiora durante la guerra, non migliora. La mia previsione è che qualsiasi tentativo di responsabilità fiscale da parte della Fed uscirà dalla finestra. #Bitcoin."


La conversazione sulla Federal Reserve è legata al previsto aumento dei tassi previsto per marzo. Mentre il Federal Open Market Committee (FOMC) ha detto alla stampa che aumenterà il tasso di interesse di riferimento "presto", il presidente della Fed Jerome Powell ha osservato alla stampa che probabilmente ciò accadrà durante la riunione del FOMC di marzo.


Se la banca centrale statunitense dovesse aumentare il tasso bancario, i mercati azionari e delle criptovalute potrebbero vedere più vendite. Anche se, come accennato da Schiff e molti altri, la crisi in Ucraina potrebbe impedire alla Fed di alzare il tasso bancario e mettere in pausa anche il tapering degli acquisti monetari su larga scala

2 visualizzazioni