• Filippo D'agostini

Crypto FOMO: le criptovalute sono rischiose, ma lo è ancora di più se non partecipi

Il CEO della Commonwealth Bank of Australia (CBA), la più grande banca del paese, vede grandi rischi nel non partecipare alle criptovalute. "Vediamo rischi nella partecipazione, ma vediamo rischi maggiori nel non partecipare", ha spiegato.



Crypto FOMO, le banche devono essere coinvolte, afferma il CEO della Commonwealth Bank

Il CEO della Commonwealth Bank of Australia Matt Comyn ha parlato della paura di perdere (FOMO) quando si tratta di bitcoin e criptovalute in generale in un'intervista con Bloomberg Television a Sydney giovedì.


Commonwealth Bank, o Commbank, è una banca multinazionale australiana con attività in Nuova Zelanda, Asia, Stati Uniti e Regno Unito.


Comyn ha spiegato che sebbene le criptovalute siano "molto volatili e speculative", le banche devono essere coinvolte nella tecnologia cripto e blockchain, citando l'insaziabile domanda da parte dei clienti di scambiare criptovalute. Il numero uno della banca ha affermato:


Vediamo rischi nel partecipare, ma vediamo rischi maggiori nel non partecipare.


Pur sottolineando: "È importante dire che non abbiamo una visione solida dell'asset class bensì, lo vediamo come un asset molto volatile e speculativo".


Inoltre, la banca ritiene che le criptovalute siano qui per restare. L'amministratore delegato di Commbank ha affermato:


Non pensiamo che il settore e la tecnologia scompariranno presto. Quindi vogliamo capirlo, vogliamo fornire un'offerta competitiva ai clienti con le giuste informazioni sui rischi.


Il capo della Commonwealth Bank ha anche commentato le valute digitali della banca centrale (CBDC). "Molte banche centrali stanno esaminando l'applicabilità di una valuta digitale della banca centrale, come sarebbe, quali sarebbero i vantaggi", ha affermato. “Questo è qualcosa a cui vorremmo partecipare. Pensiamo che sia importante che l'Australia stia costruendo capacità e pilotando diverse versioni del futuro. Siamo fiduciosi di poter svolgere un ruolo in questo”.


All'inizio di questo mese, la banca ha annunciato che fornirà ad alcuni clienti la possibilità di acquistare, vendere e detenere risorse crittografiche direttamente tramite la sua app in collaborazione con l'exchange di criptovalute Gemini "CBA fornirà ai clienti l'accesso a un massimo di dieci risorse crittografiche selezionate. inclusi bitcoin, ethereum, bitcoin cash e litecoin", ha affermato la banca, aggiungendo che "Il progetto pilota inizierà nelle prossime settimane e CBA intende implementare progressivamente più funzionalità a più clienti nel 2022".

5 visualizzazioni