• Leonardo Trincia

Godwin Emefiele, afferma che la maggior parte delle transazioni di criptovaluta sono illegali

Il governatore della Banca centrale della Nigeria (CBN), Godwin Emefiele, ha affermato che la maggior parte delle transazioni di criptovaluta sono incorporate nell'illegalità. Afferma inoltre che non c'è spazio per la criptovaluta nello spazio bancario nigeriano





Nella sua ultima salva anti-criptovaluta pubblicata da Punch, Emefiele sembrava tuttavia respingere le affermazioni che il CBN aveva deciso bruscamente di escludere le entità di criptovaluta dal sistema bancario come punizione per il sostegno percepito dall'industria alle proteste di Endsars.



Quando il CBN ha congelato i conti bancari delle persone coinvolte nell'organizzazione delle proteste di Endsars alla fine del 2020, i leader della protesta hanno iniziato a chiedere donazioni tramite bitcoin . Come riportato da Bitcoin.com News, questo passaggio alle donazioni in bitcoin ha infine consentito agli organizzatori di continuare a finanziare attività di protesta.



Pertanto, quando il CBN ha improvvisamente annunciato l'esclusione delle entità di criptovaluta dall'ecosistema bancario, alcuni osservatori in Nigeria hanno ipotizzato che questa decisione fosse stata presa perché la banca centrale non era riuscita a fermare il flusso di fondi agli organizzatori della protesta di Endsars.



Tuttavia, nella sua risposta a queste affermazioni, Emefiele è citato nel rapporto che spiega perché il CBN è generalmente contrario alle transazioni di criptovaluta.



"Come hai detto tu, il problema Endsars è sorto nell'ottobre 2020 e abbiamo sollevato la questione di dire che non avremmo messo a disposizione il nostro spazio bancario e del sistema di pagamento a coloro che erano coinvolti nel business delle criptovalute perché riteniamo che una parte sostanziale di le transazioni in corso sono illegali", ha spiegato.



Emefiele ha quindi suggerito che il CBN, proprio come molte delle sue controparti in circolazione, non supporta le transazioni di criptovaluta perché sono crittografate e non possono essere decifrate da alcuna banca centrale. Egli ha dichiarato: " Guardala in questo modo: cosa c'è da nascondere? Perché le transazioni sono così nascoste? Perché sono crittografati? Se conduco una transazione e un'autorità di regolamentazione o di sicurezza vuole vedere la natura della transazione, quelle (transazioni) non possono essere crittografate per consentire alle persone di sapere cosa è successo. Significa che la criptovaluta è un prodotto incorporato in un alto livello di illegalità."


Infatti, secondo Emefiele, le donazioni al movimento Endsars non avevano nulla a che fare con la direttiva del 5 febbraio 2021 della CBN. Piuttosto, questa direttiva è coerente con la posizione assunta da molte banche centrali in tutto il mondo, ha spiegato Emefiele.

2 visualizzazioni