• Leonardo Trincia

Il co-fondatore di MakerDAO prevede di "Yolo USDC in ETH"

Il co-fondatore di MakerDAO vuole proteggere la stablecoin dell'organizzazione dopo le sanzioni di Tornado Cash



MakerDAO sta valutando una mossa dell'Ave Maria per sostituire ciò che sostiene la sua stablecoin decentralizzata DAI.


A seguito dell'approvazione da parte del Tesoro degli Stati Uniti del mixer crittografico Tornado Cash, il co-fondatore di MakerDao Rune Christensen vuole sradicare USDC dall'enorme tesoreria crittografica da 10,9 miliardi di dollari del protocollo.


All'inizio di questa settimana, le autorità hanno aggiunto gli indirizzi blockchain di Tornado Cash alla lista nera dell'Office of Foreign Assets Control (OFAC) , rendendo illegale l'interazione con quegli indirizzi particolari.


Molti degli indirizzi recentemente banditi erano indirizzi di contratti USDC legati a Tornado Cash e Circle, l'emittente della stablecoin, si è avvicinato alla linea degli Stati Uniti quasi immediatamente aggiungendo dozzine alla propria lista nera. La mossa di Circle ha reso automaticamente discutibile, praticamente privo di valore, qualsiasi USDC controllato da quegli indirizzi - collettivamente circa $ 75.000.


Sul canale Discord ufficiale di MakerDAO, Christensen ha affermato che le conseguenze delle sanzioni Tornado Cash sono "molto più gravi di quanto pensassi all'inizio".


Anche se DAI molto probabilmente si staccherebbe dal dollaro USA se MakerDAO abbandonasse l'USDC, il rischio è "accettabile", ha affermato Christensen.


"Il mercato potrebbe finalmente iniziare a premiare il decentramento al punto in cui questi rischi sono accettabili, perché USDC non è più il gioco da ragazzi di una volta", ha affermato Christensen.


DAI è la quarta stablecoin per capitalizzazione di mercato, con oltre 7,6 miliardi di dollari in circolazione.

Le decisioni relative al supporto del token, insieme a tutto il resto, vengono prese da MakerDAO, un'organizzazione autonoma decentralizzata. Ciò contrasta con i giganti delle stablecoin Tether e Circle, entrambi gestiti a porte chiuse da team centralizzati.


Il valore in dollari di DAI si ispira al cosiddetto Price Stability Peg (PSG). Il conio di DAI di solito richiede un'eccessiva garanzia, ma il PSG consente ai titolari di USDC di coniare un DAI per ogni USDC depositato, aprendo un'opportunità redditizia di arbitraggio quando DAI supera $ 1.


Ma quando circle ha segnalato che avrebbe seguito il Tesoro degli Stati Uniti nella lista nera di tutti gli indirizzi blockchain sanzionati dall'OFAC, è stato aperto un nuovo ipotetico vettore di attacco, ha spiegato martedì

il delegato di MakerDAO e ricercatore di criptovalute Mika Honkasalo a Blockworks .


"Se quello specifico USDC dovesse mai essere nell'elenco delle sanzioni, il valore di quell'USDC è zero", ha affermato Honkasalo. "Suppongo che ci sia un prezzo di mercato per questo, ma, in teoria, il prezzo è molto basso, quindi perdi molte delle tue garanzie". USDC attualmente rappresenta circa il 32% del sostegno di DAI, pari a circa 2,26 miliardi di dollari.


Liberare MakerDAO dalla sua garanzia USDC significherebbe perdere il suo meccanismo di stabilità. Ma senza l'arbitraggio che riporta DAI a $ 1 quando la domanda è alta, il token alla fine si riabbasserebbe verso l'alto.


Honkasalo ha detto: “Puoi semplicemente sbarazzarti di tutto e stare bene con il prezzo che sale. Le stablecoin centralizzate non hanno un effettivo peg di $ 1, hanno un minimo di $ 1: il peg può arrivare fino al collaterale stesso. Se hai un rapporto di garanzia di 120, tecnicamente può andare ovunque tra $ 1 e $ 120, o qualunque sia il rapporto di garanzia.


Ma mentre il ricercatore ha notato che ciò era tecnicamente fattibile, per MakerDAO è un po' più difficile poiché richiede ancora ingegneria. "Non è una soluzione dall'oggi al domani", ha detto.


Il CEO di MakerDAO Christensen si sta ora rendendo conto che risolvendo il problema di stabilità, utilizzando l'USDC come canale, MakerDAO ha creato un'altra minaccia, probabilmente più pericolosa: l'USDC che riceve è, in teoria, soggetto al controllo del governo degli Stati Uniti.


Honkasalo ha sottolineato che questo non è solo un problema per MakerDAO. È un problema per ogni singolo protocollo DeFi che ha risorse USDC come garanzia.


"E se lo smart contract USDC di un market maker automatizzato, che in realtà è il mercato, finisse nell'elenco delle sanzioni?" chiese Honkasalo.


"Tutti i mercati dei prestiti ne soffrono allo stesso modo, le persone si sono appena rese conto che il DAI era un problema a causa del modo in cui è supportato, ma i mercati dei prestiti automobilistici sono supportati tanto dall'USDC quanto dal DAI".


Luca Prosperi, un'altra figura di spicco di MakerDAO, è stato molto critico nei confronti dell'idea quando è stata presentata in Discord di MakerDAO. "Quindi fammi capire, abbiamo una concentrazione di garanzie dell'80% in più nel nostro bilancio e diciamo apertamente che le garanzie sono una schifezza".


Christensen ha una notevole influenza sulla governance di MakerDAO. È stato costantemente coinvolto in molte delle grandi decisioni di Maker, ha affermato l'analista di Blockworks Research Ryan West.


"Ad esempio, nel voto per la Lending Oversight Core Unit, che è stato il più grande voto di governance nella storia della DAO, è stato in grado di raccogliere 33,70 voti MKR o l'11,5% del potere di voto totale", ha detto West.


Christensen ha spinto abbastanza della comunità a votare contro i grandi fondi di capitale di rischio e delegati popolari come a16z, BlockTower e Hasu, ha aggiunto.


Il CEO di MakerDAO considera questa mossa essenziale, dato il potenziale giro di vite del governo.

“Questo è il mio processo di pensiero: ora c'è un modo dimostrato per bombardare istantaneamente e incostituzionalmente qualsiasi contratto intelligente di tutte le scuderie centralizzate a piacimento, senza tempi di attesa per intraprendere azioni preventive. I paesi tendono a vietare le criptovalute quando le loro condizioni economiche iniziano a peggiorare".


5 visualizzazioni