• Leonardo Trincia

Il Kazakistan pensa di aumentare di cinque volte la tassa sull'elettricità sul mining di cripto

Le autorità del Kazakistan stanno discutendo nuove normative per lo spazio crittografico del paese che potrebbero portare a un serio aumento della pressione fiscale sull'attività mineraria. Tra le modifiche proposte c'è un aumento di cinque volte della tariffa che i minatori pagano per ogni kilowattora di elettricità utilizzata





Funzionari governativi in ​​Kazakistan stanno discutendo sulla nuova legislazione per l'industria delle criptovalute. Secondo i media locali, gli autori di un disegno di legge "Sugli asset digitali nella Repubblica del Kazakistan" hanno trattato alcune questioni che riguardano il crescente settore del mining di criptovalute.


Citato da Kazinform, il primo viceministro delle finanze Marat Sultangaziyev ha osservato in una recente riunione di una commissione interdipartimentale che le attività minerarie sono ora soggette solo a registrazione , ma devono arrivare altre regole. Ha anche sottolineato che è molto difficile identificare i minatori sotterranei che consumano molta elettricità illegalmente.


Il Kazakistan ha cercato di far fronte a un crescente deficit energetico dallo scorso anno, quando il paese ha accolto favorevolmente il trasferimento delle società minerarie dalla Cina dopo che Pechino ha lanciato una repressione delle operazioni di conio di bitcoin a maggio. Le carenze sono state attribuite ai minatori e le criptovalute sono state recentemente chiuse in tutta la nazione dell'Asia centrale.


I prossimi emendamenti renderanno illegali tutte le attività minerarie non autorizzate. Inoltre, sarà aumentata la tassazione per le persone registrate. La scorsa estate, il Kazakistan ha introdotto un supplemento di 1 tenge per kilowattora di elettricità consumata, che le autorità vogliono ora aumentare a 5 tenge per kWh (0,01 dollari), ha rivelato Sultangaziyev.


Il Kazakistan prevede anche di imporre una tassa sulle attrezzature minerarie indipendentemente dal fatto che siano in uso o scollegate. Le imprese minerarie saranno obbligate a segnalare il numero e il tipo dei loro dispositivi di conio delle monete ea pagare le nuove tasse su base trimestrale.


Le importazioni di hardware, al momento esenti dall'imposta sul valore aggiunto, possono anche essere soggette ad IVA . Una proposta per escludere le attrezzature minerarie da questa esenzione è stata inviata al ministero dell'Economia, ha annunciato il viceministro delle finanze.


Le interruzioni dell'alimentazione hanno già costretto alcune compagnie minerarie a lasciare il Kazakistan. Per affrontare il problema, lo scorso anno il Paese ha aumentato le impostazioni di elettricità dalla Federazione Russa. Il governo intende rilanciare un progetto per la costruzione di una centrale nucleare.


Le proteste per i prezzi elevati dell'energia, in particolare di combustibili come il gas naturale, hanno portato a disordini politici che hanno colpito l'industria del mining di criptovalute in Kazakistan, che si colloca tra i leader in termini di quota dell'hashrate bitcoin globale.

1 visualizzazione