• Filippo D'agostini

Il miliardario Mike Novogratz afferma che la Cina ha "sempre meno influenza sulle criptovalute"

L'investitore miliardario e CEO di Galaxy Digital, Mike Novogratz, afferma che il mercato dei bitcoin è in buona forma e che la Cina ha sempre meno influenza sul mercato delle criptovalute.

L'investitore miliardario afferma che il mercato è "in buona forma"


Il CEO di Galaxy Digital Mike Novogratz, venerdì ha commentato, su Twitter, le ultime notizie sulla repressione cinese sulle criptovalute.

Ha spiegato che il mercato delle criptovalute è in calo per tre motivi. Il primo è la Cina che ribadisce la sua posizione anti-cripto e anti-libertà. Il secondo è la Federal Reserve degli Stati Uniti che "mette in moto il tapering" e il terzo è il grande livello di resistenza per bitcoin ed ether.

Inoltre, Novogratz ha sottolineato di credere che prima o poi BTC ed ETH si consolideranno.


Inoltre, il CEO miliardario ritiene che il mercato dei bitcoin sia in buona forma. In un'intervista rilasciata alla CNBC la scorsa settimana, ha spiegato che il livello di $ 40.000 per bitcoin e $ 2.800 per ethereum "sono livelli molto importanti da tenere d'occhio", osservando:


"Finché durano, penso che il mercato sia in buona forma."



Novogratz ha inoltre condiviso: “Non ho visto altro che attività di coinvolgimento dei nostri clienti investitori e dei nostri clienti aziendali. Il livello delle indagini, il livello degli affari non è stato più alto". Aggiunge:


"Sempre più capitale sta entrando nel mercato sia in modo privato ​​che in modo pubblico. Ma non sono nervoso."


Commentando l'influenza della Cina sui prezzi delle criptovalute, in particolare BTC ed ETH , Novogratz ha dichiarato: ""La Cina non è mai stata una grande fonte di innovazione per le criptovalute, ma è stata una grande fonte di trading e penso che ci sia ancora molto commercio in Cina ... I cinesi sono intelligenti, sanno come usare le VPN, ma adesso con la censura delle valute digitali è diventato più difficile utilizzarle. Le cose non possono essere cambiate e quindi penso che dovremmo farcene una ragione”.

2 visualizzazioni