• Leonardo Trincia

Il Portogallo si prepara a tassare le criptovalute

Il Portogallo, uno dei paesi considerati un paradiso fiscale per le criptovalute a causa della sua assenza di tassazione relativa alle criptovalute, si prepara a cambiare questa politica. Fernando Medina, ministro delle finanze del Portogallo, ha dichiarato che il paese sta lavorando a un quadro per consentire la tassazione dei guadagni di criptovaluta seguendo i principi di "giustizia" ed "efficienza" e ha dichiarato che non ci possono essere lacune per eventuali guadagni di reddito da essere ottenuto senza tassazione

Il Portogallo, uno dei paesi che è stato propagandato come un rifugio crittografico a causa dell'assenza di tassazione in questo senso, sta lavorando all'istituzione di leggi che gli consentiranno di tassare queste risorse digitali. Le dichiarazioni sull'argomento sono state rese dal ministro delle finanze del Paese, Fernando Medina, nel corso di una discussione sul bilancio statale.


Medina ha spiegato: "Diversi paesi stanno costruendo i loro modelli in merito a questa materia e noi costruiremo i nostri. Non voglio impegnarmi su una data in questo momento, ma adatteremo la nostra legislazione e la nostra tassazione."


Il governo aveva già dato segnali della sua direzione futura per quanto riguarda la tassazione delle criptovalute. Il ministero delle Finanze ha chiesto all'autorità fiscale portoghese di studiare come sono state tassate le criptovalute in altre regioni nel 2021 "al fine di proporre un quadro fiscale adeguato per questi nuovi strumenti, tenendo conto del necessario equilibrio tra l'equa distribuzione del reddito e della ricchezza e l'attrazione degli investimenti esteri”.


Sebbene i modelli in base ai quali verranno tassati i guadagni di criptovaluta non sono ancora chiari, Medina ha affermato che questi sarebbero stati istituiti seguendo i principi di "giustizia" ed "efficienza", mirando a un sistema fiscale che non spaventerebbe gli investimenti in criptovaluta fuori dal paese. Medina ha dichiarato che questo sistema dovrebbe rendere la tassazione "adeguata", ma non di "carattere eccezionale che finisce per ridurre le entrate a zero, il che è contrario, infatti, all'obiettivo per cui esiste".


Tuttavia, era fermo nella convinzione che la criptovaluta alla fine dovesse essere tassata, affermando che non potevano esserci "lacune che causano guadagni in conto capitale in relazione alla transazione di attività che non hanno una tassa".


Di recente, le criptovalute stanno iniziando ad essere utilizzate come mezzo di pagamento nelle transazioni immobiliari in Portogallo. L'8 maggio, la prima transazione di questo tipo segnalata è avvenuta nel Paese, quando un appartamento a Braga è stato venduto per 3 BTC .

3 visualizzazioni