• Leonardo Trincia

Il principe Filippo di Serbia: Bitcoin è libertà: "Dobbiamo togliere i soldi allo stato"

Il principe Filippo di Serbia e Jugoslavia afferma che bitcoin è libertà. Notando che “dobbiamo togliere i soldi allo stato”, il principe ha sottolineato: “Dobbiamo avere di nuovo soldi duri. Abbiamo bisogno di denaro di buona qualità che non sia soggetto a inflazione".



Il principe Filippo di Serbia e Jugoslavia ha recentemente parlato di bitcoin in un programma televisivo serbo condotto da Ivan Ivanović. Il principe Filippo, membro della Casa di Karađorđević, è il secondo figlio dell'ultimo principe ereditario dell'ex Regno di Jugoslavia. È il gemello fraterno del principe Alessandro e il secondo in linea al trono dopo il principe Pietro.


Il principe Filippo sta attualmente lavorando con un gestore patrimoniale globale a Londra, secondo il sito web della famiglia reale di Serbia.


"Lavoro nella finanza", ha confermato nello show televisivo. “Lavoro nell'asset management per una società finanziaria internazionale. La sede principale è a New York ma ha un grande ufficio a Londra. Sono un analista. Amo analizzare il mondo”.


Ha aggiunto: “Analizzo e racconto principalmente ai clienti cosa succede con il mercato, cosa sta succedendo ai loro portafogli e parlo con molti altri analisti e molti altri gestori di portafoglio all'interno dell'azienda. Aiutiamo a prendere decisioni… È una bella esperienza essere analista. Imparo molto”.


Gli è stato quindi chiesto delle criptovalute. Sottolineando che il suo consiglio "è decisamente gratuito", ha iniziato dicendo "cripto" ma si è rapidamente corretto dicendo "bitcoin". Il principe Filippo ha detto: “Non criptovalute ma bitcoin. Si tratta solo di bitcoin. Lui continuò: " Bitcoin è libertà, e questo è qualcosa che voglio per tutti."


Ha descritto: “Questo è qualcosa che tutti devono imparare. Impareranno lentamente. Alcune persone non vorranno impararlo perché non ci sono abituati. Vogliono proteggere il sistema in cui funzionano bene".


Il principe ha osservato: "Ma non si rendono conto che quel sistema, beh forse lo fanno, non è vantaggioso per tutti gli altri nel mondo, quindi miliardi di persone in tutto il mondo non si stanno divertendo in questo momento".


Il principe è stato interrotto da Ivanović dopo aver detto: "Beh, dobbiamo togliere i soldi allo stato". Il conduttore televisivo ha avvertito che la dichiarazione dei reali potrebbe essere interpretata erroneamente. Entrambi risero.


Il principe Filippo ha continuato a sottolineare: " Penso che dobbiamo avere di nuovo soldi duri. Abbiamo bisogno di denaro di buona qualità che non sia soggetto a inflazione."


Riferendosi all'inflazione, ha affermato che il problema si sta verificando ora e "Soprattutto dall'ultima crisi finanziaria del 2008, il cui straordinario stimolo è stato pompato nelle economie". Ha dettagliato: "E da allora con la pandemia di Corona, quantità senza precedenti di stimoli sono state immesse nell'economia e, ovviamente, dove andranno a finire questi soldi? Creerà inflazione".


Il principe Filippo ha continuato a parlare di bitcoin. “Con Bitcoin, non ce l'hai. Hai un limite di soli 21 milioni di bitcoin che verranno prodotti", ha descritto, aggiungendo: " Pertanto non sarà mai un asset inflazionistico e questo aiuta a proteggere le persone."


“Inoltre, è privo di censura. È molto fungibile. Puoi spostarlo in giro... e aiuterà con la sovranità delle persone e aiuta con la libertà delle persone”, ha concluso il principe.




5 visualizzazioni