• Leonardo Trincia

L'India svela le linee guida per la pubblicità crittografica

L'Advertising Standards Council of India ha pubblicato linee guida per la pubblicità e la promozione di criptovalute e servizi correlati. "Abbiamo avuto diversi round di discussione con il governo, le autorità di regolamentazione del settore finanziario e le parti interessate del settore prima di definire queste linee guida".


L'Advertising Standards Council of India (ASCI) ha pubblicato mercoledì "linee guida per la pubblicità e la promozione di risorse e servizi digitali virtuali".


Le linee guida sono applicabili a tutti gli annunci pubblicitari relativi alle risorse digitali virtuali (VDA) che sono "comunemente indicati come prodotti crittografici o NFT [token non fungibili]", ha spiegato ASCI.

Il presidente dell'ASCI Subhash Kamath ha descritto: " Abbiamo avuto diversi round di discussione con il governo, le autorità di regolamentazione del settore finanziario e le parti interessate del settore prima di definire queste linee guida."


In primo luogo, tutti gli annunci relativi alle criptovalute devono riportare il disclaimer che afferma: "I prodotti crittografici e gli NFT non sono regolamentati e possono essere altamente rischiosi. Potrebbe non esserci alcun ricorso regolamentare per eventuali perdite derivanti da tali transazioni. Le linee guida spiegano come deve essere fatta la dichiarazione di non responsabilità per garantire che "sia prominente e imperdibile per un consumatore medio", ha osservato l'autorità pubblicitaria indiana.


In secondo luogo, le linee guida dettagliano: " Le parole "valuta", "titoli", "custode" e "depositari" non possono essere utilizzate nella pubblicità di prodotti o servizi VDA poiché i consumatori associano questi termini a prodotti regolamentati."


Inoltre, gli annunci potrebbero non presentare un minore o qualcuno che sembra essere minorenne.

La pubblicità non deve pretendere di essere una soluzione al denaro o ad altri problemi né promettere un futuro aumento garantito dei profitti. “Le informazioni sulla performance passata non devono essere fornite in modo parziale o parziale. I resi per periodi inferiori a 12 mesi non sono inclusi", ha aggiunto ASCI.


Notando che gli annunci non dovrebbero minimizzare i rischi associati alla classe di attività, il watchdog pubblicitario ha scritto: "I prodotti VDA non possono essere paragonati a nessun'altra classe di attività regolamentata".


Le linee guida riguardano anche l'approvazione delle celebrità. "Celebrità o personalità di spicco che compaiono negli annunci VDA devono prestare particolare attenzione per assicurarsi di aver svolto la dovuta diligenza in merito alle dichiarazioni e alle affermazioni contenute nell'annuncio, in modo da non fuorviare i consumatori", ha affermato ASCI, elaborando: " Le linee guida saranno applicabili a tutti gli annunci pubblicati o pubblicati a partire dal 1 aprile 2022."


"Gli inserzionisti e i proprietari dei media devono anche assicurarsi che tutti gli annunci precedenti non debbano apparire di pubblico dominio a meno che non rispettino le linee guida, dopo il 15 aprile 2022", ha osservato ASCI.

0 visualizzazioni