• Leonardo Trincia

L'inflazione europea sale alle stelle registrando il 7,5%

Mentre l'inflazione continua a ruggire negli Stati Uniti, il tasso di inflazione nell'eurozona ha toccato un altro massimo il mese scorso raggiungendo il 7,5% a marzo. I prezzi dell'energia e dei generi alimentari sono aumentati vertiginosamente in tutte le economie dei 19 stati membri e la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde si aspetta che i prezzi dell'energia "rimarranno più alti più a lungo".


19 paesi che condividono l'euro stanno soffrendo l'aumento dell'inflazione secondo i dati provenienti da marzo che mostrano il tasso di inflazione è salito al 7,5 % . Analogamente alla Federal Reserve statunitense, l'obiettivo di inflazione della Banca centrale europea (BCE) è del 2% e l'inflazione dei prezzi alimentari, dei servizi, dell'energia e dei beni durevoli è aumentata ben al di sopra dell'obiettivo.


Parlando a un'udienza a Cipro mercoledì, la presidente della BCE Christine Lagarde ha discusso dell'aumento del costo della vita in Europa e ha sottolineato: "è probabile che tre fattori principali aumenteranno l'inflazione". Durante il suo discorso a Cipro, Lagarde ha insistito: " I prezzi dell'energia dovrebbero rimanere più alti più a lungo. È probabile che le strozzature della produzione globale persistano in alcuni settori, [e] le famiglie stanno diventando più pessimiste e potrebbero tagliare la spesa."


I rapporti rilevano che la BCE, come la Fed, è premuta contro il muro e deve affrontare frontalmente le pressioni inflazionistiche. Il giornalista di Reuters Balazs Koranyi afferma che "i mercati stanno ora valutando un aumento dei tassi di 60 punti base entro la fine dell'anno". In una nota ai clienti venerdì mattina, l'economista senior per l'Europa presso Capital Economics, Jack Allen-Reynolds, ha scritto che l'azienda ha "previsto tre rialzi dei tassi di 25 punti base per quest'anno".


"Con l'inflazione della zona euro che cresce ancora di più rispetto alle previsioni della BCE, e probabilmente rimarrà molto alta per il resto dell'anno, pensiamo che non passerà molto tempo prima che la Banca inizi ad aumentare i tassi di interesse", ha affermato l'economista venerdì. I rapporti indicano inoltre che gli investitori spagnoli e tedeschi stanno scommettendo sulla BCE per stimolare i rialzi dei tassi quest'anno.


Gran parte della colpa per l'aumento dell'inflazione nei 19 paesi è anche simile agli Stati Uniti, poiché i banchieri e i burocrati europei stanno incolpanda la guerra Ucraina- Russia. Christian Nolting, chief investment officer di Deutsche Bank, ha spiegato in una nota che l'inflazione elevata potrebbe persistere.

"Nelle economie sviluppate, i tassi di inflazione già elevati potrebbero ora essere spinti ancora più in alto, dato lo shock dei prezzi del petrolio e del gas indotto dal conflitto", ha scritto Nolting. "Le sanzioni, così come l'interruzione delle attività in Russia da parte delle aziende, stanno esacerbando i problemi della catena di approvvigionamento".


Attualmente, ci sono pochissime segnalazioni riguardanti la spesa politica dell'UE per il Covid-19 , i tassi negativi a lungo termine della BCE e la massiccia espansione monetaria della BCE negli ultimi due anni. Prima della pubblicazione dei dati sull'inflazione della zona euro, il ministro dell'Economia tedesco Robert Habeck ha chiesto ai tedeschi di ridurre il loro consumo energetico.


"Al momento non ci sono carenze di forniture", ha osservato Habeck. "Tuttavia, dobbiamo aumentare le misure precauzionali per essere preparati in caso di escalation da parte della Russia". È interessante notare che la politica danese e commissaria europea per la concorrenza, Margrethe Vestager, ha cercato di convincere i residenti dell'UE a smettere di fare lunghe docce calde. Vestager ha detto: " Ogni volta che spegni l'acqua calda della doccia, dì: "Prendilo, Putin!"


0 visualizzazioni