• Filippo D'agostini

L'Uzbekistan avverte i cittadini di evitare Exchange di criptovalute senza licenza

Un'agenzia governativa in Uzbekistan ha pubblicato un elenco di scambi di criptovalute non autorizzati che i residenti del paese sono stati invitati a evitare. Le piattaforme di trading raccolgono dati personali e non si assumono alcuna responsabilità per le transazioni di criptovaluta, hanno avvertito i funzionari.


Autorità in Uzbekistan stila una "lista nera" di Exchange "non ufficiali"

L'Agenzia nazionale per la gestione dei progetti sotto il presidente dell'Uzbekistan ha identificato una serie di piattaforme online che offrono servizi di trading di criptovalute senza autorizzazione. Durante una campagna di monitoraggio su Internet, l'ente ha registrato un aumento delle attività di tali Exchange di risorse digitali "non ufficiali".

Le entità dietro di loro offrono ai cittadini uzbeki la possibilità di acquistare, vendere o scambiare criptovalute senza avere un ufficio nel paese. Di solito sono registrati in altre giurisdizioni e i loro server si trovano all'estero, ma allo stesso tempo raccolgono informazioni personali dai residenti dell'Uzbekistan, ha affermato l'agenzia in un avviso pubblicato sul suo sito web.


Una mezza dozzina di siti di scambio di criptovalute destinati ai residenti dell'Uzbekistan sono stati inseriti nella lista nera: webmoneytashkent.com, wmztashkent.com, wm-torg.com, uzwmz.com, blockchainuz.com e bitcointashkent.com. Servizi simili sono offerti anche tramite bot e gruppi di Telegram.


I loro fornitori, ha osservato il regolatore, spesso rimangono completamente anonimi e possono eliminare rapidamente un canale.

I funzionari hanno sottolineato che queste tipo di piattaforme non hanno alcuna responsabilità legale per le transazioni crittografiche tra varie parti e non possono garantire la loro legittimità. Inoltre, non possono garantire la corretta conservazione dei dati personali o la conservazione della riservatezza. L'annuncio afferma:


"L'Agenzia esorta i cittadini ad essere il più vigili possibile, attenti e non utilizzare i servizi di tali piattaforme, anche per non diventare vittime di frodi."


Mining Pool Nazionale

L'Agenzia nazionale per la gestione dei progetti ha ricordato al pubblico che in conformità con il decreto presidenziale "Sulle misure per lo sviluppo dell'economia digitale nella Repubblica dell'Uzbekistan" e la legge del paese "Sulle procedure di licenza e notifica", l'istituzione degli Exchange di criptovalute è soggetta a licenza.

Il governo ha cercato di incoraggiare alcune attività crittografiche. Nel gennaio 2020, Tashkent ha presentato un piano per creare un pool minerario nazionale e l'iniziativa è stata presentata come prioritaria. Lo stato ha anche affermato che istituirà un'Exchange autorizzato in cui i minatori saranno in grado di vendere le proprie monete e ha promesso di creare una "valle" blockchain e di introdurre esenzioni fiscali sulle criptovalute.


Tuttavia, nel settembre di quest'anno il vicepresidente della Banca centrale della Repubblica dell'Uzbekistan Behzod Hamraev parlando con i media locali, ha sottolineato che, a differenza delle criptovalute, la somma fiat nazionale è sostenuta dai beni della banca. Ha anche espresso la sua opinione che il bitcoin non sarà mai uguale alle "valute mondiali" come dollaro, euro, yen e rublo.

0 visualizzazioni