• Leonardo Trincia

La nuova legge in Russia vieterà nuovamente le criptovalute

I sostenitori delle criptovalute stanno ancora affrontando una dura lotta in Russia, dove i parlamentari dovrebbero votare a favore di una proposta che vieterà l'uso di "surrogati monetari" come forma di pagamento. Sembra che i miner di criptovalute debbano ancora persuadere l'influente governatore della Banca centrale Elvira Nabiullina che la loro industria non dovrebbe essere bandita.


Una misura presentata da Anatoly Aksakov, presidente della commissione per i mercati finanziari della Duma di Stato, sarà discussa in parlamento nei prossimi giorni e dovrebbe passare senza ostacoli. Il disegno di legge cerca efficacemente di chiarire lalegislazione esistente dal 2020 che vieta l'uso di criptovalute nei pagamenti e negli insediamenti.


In un documento esplicativo fornito con il nuovo disegno di legge si legge: " Il rublo è la [valuta] ufficiale della Federazione Russa. [Questa misura] introduce un divieto contro l'introduzione di altri [oggetti] monetari o surrogati monetari sul territorio russo. […]. Il disegno di legge introduce modifiche volte ad eliminare i rischi indicati nell'utilizzo dei [crypto asset] come surrogato monetario stabilendo un divieto diretto al trasferimento o all'accettazione di [crypto asset] come controprestazione per beni ceduti, lavori eseguiti e/o servizi resi. "


La consultazione sul disegno di legge si conclude domani e i parlamentari inizieranno a discutere il disegno di legge all'inizio della prossima settimana.


Come al solito, tuttavia, il disegno di legge fa uso di una terminologia vaga e confusa, come l'espressione "asset digitali inanziari " o DFA. I critici affermano che non è chiaro quali token rientrino in questa categoria.


Nel frattempo, c'è stato un ulteriore colpo per i miner.


Il media NSN ha citato Denis Bushnov, vicepresidente dell'Associazione russa di criptovaluta e blockchain, affermando: " Niente funzionerà. I parlamentari non sono stati in grado di legalizzare questo settore dal 2017, il che significa che non lo legalizzeranno mai. […] Non funzionerà, perché Nabiullina è contrario. Dal punto di vista aziendale […] sarebbe stato possibile prelevare tasse dal mining crypto per molto tempo. Ma tutto è bloccato"


Nabiullina è uno dei crypto-scettici più importanti della Russia. Mentre un certo numero di altri alti funzionari della banca hanno suggerito che la banca potrebbe scendere a compromessi sulla sua posizione intransigente, Nabiullina è a favore di una repressione totale e in stile cinese su criptovalute e mining – e la corsa accelerata di un rublo digitale.


È anche un'alleata chiave del presidente Vladimir Putin, un fattore che sembra indurre alcuni capi dei ministeri a muoversi con cautela sulla questione. Putin, tuttavia, ha lasciato intendere di essere favorevole allo sfruttamento delle riserve energetiche russe e alla sua preponderanza di "talenti" legati alle criptovalute. I ministeri, come il ministero del Commercio e dell'Energia, vogliono urgentemente regolamentare e tassare le più grandi società di mining di criptovalute del paese.


Il presidente della stessa associazione, Yuri Pripachkin, è stato citato per aver affermato che qualsiasi legislazione sul mining di criptovalute doveva essere "completamente sviluppata" e "non consegnata a pezzi". Ha anche avvertito che trattare il settore come "una specie di mucca da mungere" per le entrate fiscali si sarebbe ritorto contro.


I politici, tuttavia, hanno adottato una linea molto più ottimista: Anton Gorelkin, vicepresidente della commissione per la politica dell'informazione, l'informatica e le comunicazioni della Duma di Stato e membro del gruppo di lavoro parlamentare sulle criptovalute, ha affermato che l'adozione di "un disegno di legge valute digitali", sarebbe "completo" e renderebbe la Russia la principale nazione di mining del mondo.


In effetti, i parlamentari sembrano essere vicini a raggiungere un consenso sulla questione. Secondo quanto riferito dal canale mediatico della Duma, il gruppo di lavoro, che si è riunito di nuovo questa settimana, ha "proposto di classificare il mining come attività imprenditoriale, con la definizione di tariffe elettriche commerciali".


Il gruppo di lavoro presenterà al governo le sue raccomandazioni su questo fronte, e lo stesso canale mediatico ha osservato che il disegno di legge potrebbe ancora “essere presentato alla Duma di Stato prima della fine della sessione primaverile” – che volge al termine il prossimo mese.


5 visualizzazioni