• Leonardo Trincia

Mark Cuban è stato citato in giudizio per aver promosso un massiccio "schema Ponzi"

La star di Shark Tank e il proprietario della squadra NBA Dallas Mavericks, Mark Cuban, sta affrontando un'azione legale collettiva per aver promosso i prodotti crittografici di Voyager Digital. I querelanti affermano che Voyager era "un massiccio schema Ponzi" e che Cuban "ha ingannato milioni di americani facendogli investire".

Un'azione collettiva è stata intentata presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti nel distretto meridionale della Florida contro la star di Shark Tank Mark Cuban, Dallas Basketball Ltd. (DBA Dallas Mavericks) e il CEO di Voyager Digital Steven Ehrlich.


Ci sono 12 querelanti di piombo. Facendo riferimento al caso "Mark Cassidy v. Voyager Digital Ltd., et al.", depositato nel dicembre dello scorso anno, hanno affermato che Cuban ed Ehrlich "hanno fatto di tutto per usare la loro esperienza di investitori per indurre milioni di americani a investire - in molti casi, i loro risparmi di una vita - nella piattaforma Deceptive Voyager e l'acquisto di conti Voyager Earn Program ("EPA"), che sono titoli non registrati", descrive la causa, aggiungendo: " Di conseguenza, oltre 3,5 milioni di americani hanno quasi perso oltre 5 miliardi di dollari in asset di criptovaluta. Questa azione cerca di ritenere Ehrlich, Cuban e i suoi Dallas Mavericks responsabili del loro rimborso."


La causa rileva che Cuban ha parlato in una conferenza stampa di Dallas Mavericks, "dove ha fortemente sostenuto e propagandato la partnership tra la sua compagnia e gli imputati della Voyager". I querelanti hanno sottolineato che la star di Shark Tank "ha descritto con orgoglio come avrebbe personalmente aiutato ad aumentare significativamente la portata e la presenza della piattaforma Deceptive Voyager per coloro con fondi ed esperienza limitati".


Hanno affermato: " Le false dichiarazioni e le omissioni di Ehrlich e Cuban fatte e trasmesse in tutto il paese attraverso Internet li rendono responsabili nei confronti dei querelanti e dei membri della classe per aver sollecitato i loro acquisti degli EPA non registrati."


La causa specifica anche che Cuban "è stato registrato definendo la piattaforma ingannevole Voyager" il più vicino possibile a priva di rischi come si entra nell'universo delle criptovalute.'" Il proprietario di Dallas Mavericks "ha persino esaltato il fatto che stava investendo il suo detenere denaro nella piattaforma Deceptive Voyager per indurre ulteriormente gli investitori al dettaglio a seguire le sue orme".


I querelanti affermano che "The Deceptive Voyager Platform si basa su false pretese, false rappresentazioni ed è specificamente progettata per trarre vantaggio dagli investitori che utilizzano app mobili per fare i loro investimenti, in modo sleale, sgradevole e ingannevole". Hanno inoltre affermato: " In altre parole, la piattaforma Deceptive Voyager era un enorme schema Ponzi e faceva affidamento sul supporto vocale di Cuban e Dallas Maverick e sull'investimento monetario di Cuban per continuare a sostenersi fino alla sua implosione e al successivo fallimento della Voyager."


Voyager Digital ha dichiarato bancarotta il mese scorso citando "la volatilità e il contagio prolungati nei mercati delle criptovalute negli ultimi mesi e l'insolvenza di Three Arrows Capital ("3AC") su un prestito della sussidiaria della società". La Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) e il Federal Reserve Board hanno recentemente ordinato alla Voyager di cessare e desistere dal fare dichiarazioni false e fuorvianti riguardanti lo stato di assicurazione dei depositi FDIC della società.



1 visualizzazione