• Leonardo Trincia

Russia: mining di criptovalute in un reparto COVID-19

Uno specialista medico russo potrebbe rischiare fino a due anni dietro le sbarre dopo che le autorità lo avrebbero sorpreso a gestire un impianto di mining illegale in una struttura progettata per curare i pazienti affetti da coranavirus


Lo specialista era stato incaricato della sicurezza delle informazioni in un ospedale statale a Gorno-Altaisk, una città della Repubblica dell'Altai, nella Siberia meridionale.


RBC ha riferito che l'uomo ha iniziato a fare mining di token non specificati nel febbraio 2021 ed è riuscito a collegare i propri impianti di mining al server dell'ospedale. Dopo che la necessità di ventilatori e altre apparecchiature simili in città iniziarono lentamente a diminuire, la stanza utilizzata sembra essere rimasta vuota e lo specialista sembra averne tratto pieno vantaggio.


Il Ministero degli Affari Interni della repubblica alla fine ha collaborato con l'agenzia dei servizi segreti della nazione, l'FSB. Insieme, le parti hanno fatto irruzione nell'ospedale e hanno anche condotto una perquisizione nel luogo di residenza del sospetto.


Gli investigatori hanno affermato di aver scoperto che lo specialista aveva "usato illegalmente" l'elettricità dell'ospedale "per circa un anno" e hanno affermato di aver "causato danni materiali" per un importo di circa 6.800 dollari.


Gli investigatori hanno deciso di sporgere denuncia contro l'individuo sulla base delle prove raccolte.


Il mining di criptovalute non è illegale secondo la legge russa, ma in precedenza la polizia e i tribunali si sono espressi duramente con le persone che ritengono abbiano rubato il potere alle istituzioni statali o alla rete per pagare le proprie attività di mining private.


Nel frattempo, il braccio di mining di criptovalute del gigante giapponese dei titoli SBI – SBI Crypto – ha annunciato che interromperà le sue attività di mining di criptovalute con sede in Russia, ha riferito Interfax.

Ciò segue una chiamata dei diplomatici con sede a Washington il mese scorso, che hanno esortato i giocatori di criptovalute giapponesi a recidere i loro legami rimanenti con la Russia.


Diverse società di mining giapponesi avevano precedentemente lanciato una mining farm con sede in Siberia, sfruttando i bassi costi dell'elettricità e persino le tariffe di raffreddamento inferiori.



1 visualizzazione