• Filippo D'agostini

Taproot, l'aggiornamento tanto atteso di Bitcoin, è stato attivato

Taproot offre agli sviluppatori una cassetta degli attrezzi estesa con cui lavorare mentre continuano a ideare e costruire su Bitcoin.


Alle 5:15 UTC (00:15 EST) di domenica 14 novembre, Taproot, il tanto atteso aggiornamento di Bitcoin, è stato attivato al blocco 709.632, aprendo la porta agli sviluppatori per integrare nuove funzionalità che miglioreranno la privacy, la scalabilità e la sicurezza del network.


L'aggiornamento si è sbloccato a giugno, quando oltre il 90% dei minatori ha scelto di "segnalare" il proprio supporto. Da allora, un periodo di attesa programmato tra il blocco e l'attivazione ha dato agli operatori dei nodi e ai minatori il tempo di eseguire l'aggiornamento completo all'ultima versione di Bitcoin Core, 21.1, che contiene il codice unito per Taproot.


Cos'è Taproot?

Taproot è un crogiolo di varie innovazioni tecniche di Bitcoin in un unico aggiornamento. È stato proposto per la prima volta da Greg Maxwell nel 2018. Da allora, le tre proposte di miglioramento dei bitcoin (BIP) che hanno codificato Taproot sono state scritte da Pieter Wuille, Tim Ruffing, AJ Townes e Jonas Nick e fuse in Bitcoin Core nell'ottobre 2020.


Alla base dell'aggiornamento ci sono le "firme di Schnorr". Bitcoin ha utilizzato uno schema crittografico ECDSA per le sue "firme digitali" in cui un utente firma una transazione con la propria chiave privata per approvare l'invio da qualche altra parte.


Ogni transazione che utilizza Taproot ora utilizzerà questo nuovo schema di firma digitale, aggiungendo nuove funzionalità progettate per aumentare la privacy, la sicurezza e la scala delle transazioni Bitcoin.


Oltre ad essere più piccole e più veloci dell'ECDSA, le firme Schnorr hanno l'ulteriore vantaggio di essere "lineari", una combinazione che aumenterà la privacy delle transazioni di Bitcoin e consentirà "contratti intelligenti" più leggeri ma complessi (un contratto codificato con regole auto-eseguibili ).


Taproot avrà molte ripercussioni positive per vari progetti in tutto l'ecosistema. Ad esempio, le transazioni multifirma, saranno più economiche e utilizzeranno meno dati.


Privacy

Taproot fa parte di uno sforzo più ampio degli sviluppatori di tutto il mondo con la missione di migliorare la privacy di Bitcoin, poiché la sua cronologia delle transazioni è molto pubblica. Un utente curioso può cercare qualsiasi transazione mai inviata su Bitcoin utilizzando un esploratore di blocchi pubblico come Mempool.space .


Questo è ancora il caso di Taproot, ma i dettagli di alcune transazioni più complesse (spesso chiamate "contratti intelligenti") potranno essere nascosti. Ad esempio, mentre in questo momento le transazioni di Lightning Network si distinguono sulla blockchain, Taproot offre la possibilità di assomigliare a qualsiasi altra transazione, migliorando ulteriormente la privacy delle transazioni.


Scalabilità

Un altro problema che Taproot dovrebbe affrontare è lo spazio di transazione limitato di Bitcoin, che rende la scalabilità un grosso problema per la valuta digitale. Gli sviluppatori non possono semplicemente aumentare questo limite senza interferire con il decentramento di Bitcoin, quindi sono sempre alla ricerca di modi per utilizzare il blockspace attualmente disponibile in modo più efficiente.


Poiché le firme Schnorr possono essere utilizzate per combinare più firme in una, possono aiutare a ridurre la quantità di dati archiviati nella blockchain. Questa riduzione delle dimensioni dei dati potrebbe aumentare la scalabilità di MuSig2, ad esempio, uno schema multifirma sviluppato dai ricercatori Blockstream, che richiede un numero di firme per una transazione.


Cosa aspettarsi da Bitcoin e Taproot

Finora, solo poco più della metà dei nodi Bitcoin conosciuti sta segnalando il supporto per l'aggiornamento. Gli altri utilizzano software obsoleti, il che significa che non saranno ancora in grado di applicare le nuove regole di Taproot, almeno fino a quando non verranno aggiornati a Bitcoin Core 21.1. Ma, anche così, la rete continuerà a funzionare bene.


Tutti i minatori che non hanno eseguito l'aggiornamento al nuovo software non saranno in grado di eseguire correttamente il mining sulla rete e perderanno l'opportunità di guadagnare ricompense per blocco. Ma gli sviluppatori hanno fatto molto per garantire che i minatori avessero un'opportunità adeguata per aggiornarsi. Nonostante questo, oltre il 90% dei minatori ha già indicato che prevede di eseguire l'aggiornamento al nuovo software.


Tuttavia, l'attivazione non significa che tutto il lavoro è stato fatto. Gli utenti non saranno in grado di inviare o ricevere il nuovo tipo di transazione finché il loro particolare portafoglio Bitcoin non lo supporta e la maggior parte dei portafogli non è ancora in grado si supportarlo. Gli sviluppatori di portafogli dovranno scrivere un nuovo codice per i loro portafogli per rendere possibili tali transazioni.


Se la storia è una guida, potrebbero volerci mesi o anni prima che tutti i portafogli salgano sul treno. Ci sono voluti circa due anni prima che l'ultimo aggiornamento relativamente grande di Bitcoin, SegWit, raggiungesse il 50% di adozione, ad esempio.


Per non parlare del fatto che, sebbene Taproot offra la possibilità di casi d'uso più complicati (come effettuare transazioni private di Lightning Network che non sembrano diverse dalle normali transazioni), gli sviluppatori dovranno comunque creare quegli strumenti e implementarli separatamente.


La cosa fondamentale da tenere a mente è che Taproot consentirà nuovi sviluppi e nuove soluzioni. Offre agli sviluppatori una cassetta degli attrezzi ampliata con cui lavorare mentre continuano a ideare, e costruire. Alcuni di questi progetti sono già in lavorazione. Molti devono ancora essere immaginati.


3 visualizzazioni