• Leonardo Trincia

Capo della BCE: le criptovalute vengono utilizzate per aggirare le sanzioni russe

La Banca centrale europea (BCE) avverte che le criptovalute vengono utilizzate per eludere le sanzioni dei russi. La presidente della BCE Christine Lagarde mette in guardia le aziende crittografiche dal diventare "complici" nel crimine.


Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea (BCE), ha dichiarato martedì al vertice sull'innovazione della Banca dei regolamenti internazionali (BRI) che le criptovalute sono "certamente" utilizzate da aziende e individui russi per aggirare le sanzioni. Un numero crescente di paesi ha imposto pesanti sanzioni contro entità russe dopo che la Russia ha iniziato la sua invasione dell'ucraina


Esprimendo preoccupazione per l'uso continuato delle criptovalute, il capo della BCE ha dichiarato: " Sono certamente usati come un modo per cercare di aggirare le sanzioni che sono state decise da molti paesi del mondo contro la Russia."


"Un numero specifico di giocatori, individui o aziende, sta ovviamente cercando di convertire i propri rubli in criptovalute", ha aggiunto, osservando che ci sono volumi crescenti di transazioni che vanno dal rublo alle stablecoin e dalle stablecoin ad altre risorse digitali.


Il presidente della BCE ha messo in guardia le aziende di criptovalute dal diventare complici del crimine, affermando che in Europa: " Abbiamo adottato misure per segnalare chiaramente a tutti coloro che scambiano, effettuano transazioni, offrono servizi in relazione alle risorse crittografiche che sono complici di aggirare le sanzioni."


Mentre Lagarde è certo che la criptovaluta venga utilizzata per eludere le sanzioni russe, molti esperti hanno affermato che la crittografia non è uno strumento efficace per questo scopo, inclusi i CEO della società di analisi blockchain Chainalysis e l'exchange di criptovalute Coinbase .


Inoltre, un alto funzionario del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha affermato la scorsa settimana che la criptovaluta non può essere utilizzata su larga scala per eludere le sanzioni. Allo stesso modo, il direttore dell'FBI Christopher Wray ha affermato che la capacità della Russia di aggirare le sanzioni con la criptovaluta è "molto sopravvalutata". Carol House, direttrice della sicurezza informatica per il Consiglio di sicurezza nazionale, ha anche affermato che le criptovalute sono uno strumento inefficace per aggirare le sanzioni.


Tuttavia, Lagarde non è l'unico preoccupato che la criptovaluta venga utilizzata per aggirare le sanzioni. Negli Stati Uniti, la senatrice Elizabeth Warren è profondamente preoccupata; la scorsa settimana ha presentato un disegno di legge sulla conformità alle sanzioni crittografiche che è stato descritto da un esperto del settore come "non necessario, eccessivo e incostituzionale".



3 visualizzazioni