• Leonardo Trincia

CEO di Citigroup: l'Europa ha più probabilità di entrare in recessione rispetto agli Stati Uniti

Jane Fraser, CEO di Citigroup, avverte che una recessione è più probabile in Europa che negli Stati Uniti. Tuttavia, ha sottolineato che non è facile per gli Stati Uniti evitare una recessione.


L'amministratore delegato di Citigroup Jane Fraser ha messo in guardia sulla salute dell'economia globale venerdì, ha riferito Reuters. Citi è la terza banca statunitense più grande e più focalizzata a livello globale.

Parlando a una conferenza degli investitori a New York, ha parlato di come "le tre R" stanno influenzando l'economia globale, affermando: "Sono i tassi, è la Russia ed è la recessione".


Fraser ha spiegato che i problemi energetici dell'Europa "stanno davvero avendo un impatto su un certo numero di aziende in determinati settori che non sono nemmeno competitivi in ​​questo momento". Ha aggiunto che "alcuni di loro stanno chiudendo le operazioni... a causa del costo dell'elettricità e del costo dell'energia".

Il dirigente di Citi ha affermato: " L'Europa si sentiva decisamente più propensa a entrare in una recessione rispetto a quanto si vede negli Stati Uniti".


Le principali banche centrali stanno già pianificando aumenti dei tassi di interesse per combattere l'inflazione, preparandosi al primo round di inasprimento quantitativo globale. La mossa dovrebbe limitare il credito e aggiungere stress a un'economia mondiale già in rallentamento.


Commentando l'azione della Banca centrale europea (BCE), Fraser ha dichiarato: "Sembra che la BCE sia indietro di qualche mese rispetto a dove è stata la Fed nel mettere le braccia attorno all'inflazione e senza la stessa flessibilità degli Stati Uniti".


Negli Stati Uniti, Fraser ha affermato che la domanda riguarda più i tassi di interesse che la recessione. Tuttavia, ha osservato che sarà difficile per gli Stati Uniti evitare una recessione, affermando: " Non è certamente il nostro caso base quello che sarà, ma non è nemmeno facile evitarlo."


Mercoledì, il CEO di JPMorgan & Chase Jamie Dimon ha affermato che un " uragano " economico si sta avvicinando, consigliando agli investitori di prepararsi all'impatto.


Il presidente e direttore operativo di Goldman Sachs, John Waldron, ha avvertito di shock economici senza precedenti e di tempi più difficili che ci attendono.


Inoltre, il CEO di Tesla Elon Musk ha affermato di avere una " pessima sensazione " sull'economia, spingendo il presidente Joe Biden a rispondere. Musk ha anche affermato che siamo probabilmente in una recessione che potrebbe durare dai 12 ai 18 mesi.



3 visualizzazioni