• Leonardo Trincia

Il famoso investitore Jim Rogers vede la fine del dollaro USA

L'investitore veterano Jim Rogers, che ha co-fondato il Quantum Fund con l'investitore miliardario George Soros, afferma che "ciò che sta accadendo con il dollaro USA ora è la fine del dollaro USA". Ha spiegato che "una valuta internazionale dovrebbe essere neutrale, ma a Washington ora stanno cambiando le regole", sottolineando: "Washington non gioca più in modo equo".



Il famoso investitore Jim Rogers ha discusso della fine del dollaro USA e delle prospettive future per la criptovaluta in un'intervista pubblicata domenica dall'Economic Times. Rogers è l'ex socio in affari di George Soros che ha co-fondato il Quantum Fund e Soros Fund Management.


Gli è stato chiesto delle prospettive per il dollaro USA e dove vede dirigersi l'indice del dollaro. “Possiedo dollari americani in parte perché quando arrivano le turbolenze, le persone cercano un rifugio sicuro. Pensano che il dollaro USA sia un porto sicuro per ragioni storiche", ha esordito Rogers.


Tuttavia, l'investitore veterano ha aggiunto: " Ma quello che sta succedendo con il dollaro USA ora è la fine del dollaro USA perché una valuta internazionale dovrebbe essere neutrale ma a Washington ora stanno cambiando le regole."


"Ora, se non piaci a Washington, ti sanzionano e non puoi usare dollari americani", ha sottolineato.

"Quindi, molti paesi stanno iniziando a cercare un concorrente - Cina o Russia o India, Iran, Brasile ... alcuni paesi stanno iniziando a cercare una valuta concorrente, e dovrebbero perché Washington non gioca più in modo equo", ha continuato.


Da quando la Russia ha iniziato la sua invasione dell'Ucraina, gli Stati Uniti e un numero crescente di altri paesi hanno imposto sanzioni alla Russia.


La Russia ha circa il 16% delle sue riserve in dollari USA e il 32% in euro. Come ha recentemente descritto l'investitore miliardario Bill Miller : "Hanno quasi il 50% delle loro riserve in valute controllate da persone che vogliono far loro del male". Miller è d'accordo con Rogers sul fatto che altri paesi stanno iniziando a cercare valute alternative al dollaro USA.


Rogers ha aggiunto: " Naturalmente, gli Stati Uniti sono la più grande nazione debitrice al mondo. Quindi, per ragioni fondamentali e ragioni politiche, le persone cercano valuta concorrente."


“Non so ancora cosa sarà. Spero di essere abbastanza intelligente da comprarlo quando lo trovi. Non mi piace dirlo. Sono americano, ma non mi piace vedere cosa stanno facendo al dollaro americano", ha affermato.


A Rogers è stato anche chiesto: "Le criptovalute possono mai essere un'alternativa all'indice del dollaro USA?" Lui ha risposto: “Beh, potrebbe essere. Molte persone hanno fatto un sacco di soldi scambiando criptovalute.

Ha spiegato che i rialzisti delle criptovalute affermano che la criptovaluta sarà la nuova moneta. "So che tutti i paesi del mondo stanno lavorando sui soldi dei computer ora, compresi gli Stati Uniti", ha sottolineato. Tuttavia, ha detto che gli Stati Uniti non diranno che si tratta di nuovi soldi.


Per quanto riguarda la criptovaluta, ha notato che "ai governi piace il controllo" e "ai governi piace il monopolio". L'investitore veterano ha spiegato: "


Rogers ha avvertito che i governi potrebbero vietare le criptovalute in diverse occasioni. Ha detto che è il motivo per cui non ha investito in bitcoin. Tuttavia, nel maggio dello scorso anno, ha affermato di essersi pentito di non aver investito in BTC .


5 visualizzazioni