• Leonardo Trincia

Il governo indonesiano fissa la tassa sulle criptovalute allo 0,1% da riscuotere a partire da maggio

Il governo indonesiano ha deciso di tassare le plusvalenze da investimenti in criptovalute allo 0,1% a partire da maggio. Inoltre, sugli acquisti di criptovalute verrà applicata l'imposta sul valore aggiunto (IVA) della stessa aliquota


La direzione generale delle tasse indonesiana, il ministero delle Finanze, ha fissato l'imposta sul reddito (PPh) sulle plusvalenze da investimenti in criptovalute e l'imposta sul valore aggiunto (IVA) sugli acquisti di criptovalute allo 0,1%.


Hestu Yoga Saksama, direttore delle normative fiscali per il Ministero delle finanze, ha dichiarato venerdì alla CNN Indonesia: " Esatto, 0,1% PPh e 0,1% di IVA (per criptovalute), tutti definitivi."


Ha aggiunto che sia l'imposta sul reddito che l'IVA sugli acquisti di criptovalute saranno imposte a partire dal 1 maggio.


Secondo il direttore, il governo indonesiano ha imposto l'imposta sul reddito e l'IVA sugli acquisti di criptovalute perché la banca centrale, Bank Indonesia e il Ministero del Commercio considerano le criptovalute una merce, non un mezzo di pagamento. Ha chiarito: " Le criptovalute saranno soggette a IVA perché sono una merce come definita dal ministero del Commercio. Non sono una valuta... Quindi imporremo l'imposta sul reddito e l'IVA."


L'aliquota IVA sulle criptovalute è ben al di sotto dell'11% applicato sulla maggior parte dei beni e servizi in Indonesia, ha riferito Reuters, aggiungendo che l'imposta sul reddito dello 0,1% sulle plusvalenze corrisponde a quella delle azioni quotate alla borsa indonesiana.


Nel frattempo, l'India ha iniziato a tassare il reddito delle criptovalute al senza consentire compensazioni o detrazioni di perdite. Inoltre, dal 1° luglio sarà riscossa una tassa dell'1 % dedotta alla fonte (TDS)

1 visualizzazione