• Leonardo Trincia

Il volume degli scambi di criptovalute in India precipita quando Mobikwik interrompe i pagamenti

I volumi di scambio di criptovalute in India sono ulteriormente precipitati negli scambi mentre i trader rimuginano sulla tassazione delle criptovalute del 30%. Inoltre, il famoso fornitore di servizi di pagamento Mobikwik ha interrotto il servizio agli scambi


Il volume degli scambi di criptovalute in India continua a diminuire dopo che il governo ha iniziato a tassare il reddito delle criptovalute al 30% senza consentire compensazioni o detrazioni di perdite.


Secondo la società di ricerca sulle criptovalute Crebaco, i volumi di scambio di criptovalute sono diminuiti rispetto alla scorsa settimana in tutti i principali scambi, ha riferito Moneycontrol. Wazirx ha subito un calo del 72% del volume degli scambi, Coindcx del 52% e Zebpay del 59%.


Inoltre, secondo quanto riferito, MobiKwik ha ritirato i suoi servizi attraverso le borse il 1 aprile a causa di normative poco chiare. Mobikwik era uno dei metodi di pagamento preferiti per l'acquisto di criptovalute negli scambi.


Un dirigente di criptovalute è stato citato dalla pubblicazione dicendo: " Mobikwik non ha fornito alcun motivo specifico per ritirare i propri servizi. Ci è stato appena detto che non collaboreranno più con gli scambi."


La scorsa settimana, l'exchange di criptovalute Coinbase, quotato al Nasdaq, ha annunciato di essere stato lanciato completamente in India e gli utenti potrebbero trasferire fondi per acquistare criptovalute utilizzando il sistema Unified Payments Interface (UPI). Tuttavia, la National Payments Corporation of India (NCPI), che ha creato UPI, ha risposto affermando che nessuno scambio di criptovalute utilizza il sistema UPI.


Il 1° luglio entrerà in vigore un'altra tassa dannosa. Alle transazioni crittografiche verrà applicata una tassa dell'1% dedotta alla fonte (TDS). Un membro del parlamento indiano ha recentemente spiegato perché questa tassa ucciderà l'industria delle criptovalute.


Nel frattempo, il governo indiano sta ancora lavorando a un framework per le criptovalute. Secondo quanto riferito, i funzionari del ministero delle finanze si stanno consultando con organizzazioni internazionali, tra cui il Fondo monetario internazionale (FMI) e la Banca mondiale, nonché la Reserve Bank of India (RBI) e altri regolatori nazionali.




1 visualizzazione