• Leonardo Trincia

L'india chiede chiarezza sulla tassazione delle criptovalute

Un'associazione industriale indiana ha scritto al ministro delle finanze del paese chiedendo chiarezza sulla tassazione delle criptovalute nell'Union Budget 2022-23. "Il bilancio dovrebbe idealmente offrire regole coerenti sulla tassazione diretta e il Consiglio GST dovrebbe dettagliare l'applicabilità della tassazione, altrimenti ci sarà confusione"



L'associazione industriale indiana Indiatech ha scritto al ministro delle finanze del paese, Nirmala Sitharaman, in merito alla tassazione delle criptovalute. L'associazione rappresenta i principali scambi di criptovalute in India, tra cui Coinswitch Kuber, Wazirx e Coindcx.



Nella sua lettera, l'associazione ha chiesto al ministro delle finanze chiarezza in merito alla tassazione delle criptovalute nell'Union Budget 2022-2023. L'ente del settore ha anche esortato il governo a modificare le leggi fiscali esistenti per includere le risorse crittografiche. Il presidente e CEO di Indiatech, Rameesh Kailasam, ha dichiarato a Ettech: " Il bilancio dovrebbe idealmente offrire regole coerenti sulla tassazione diretta e il Consiglio GST dovrebbe dettagliare l'applicabilità della tassazione, altrimenti ci sarà confusione. "


Alcuni scambi di criptovalute sono stati accusati di eludere la tassa su beni e servizi (GST). La direzione generale dei beni e dei servizi dell'intelligence fiscale (DGGI) dell'India sta esaminando diverse società crittografiche per evasione fiscale.



Il DGGI ha recentemente fatto irruzione nei principali scambi di criptovalute e ha scoperto una "massiccia" evasione GST. Secondo quanto riferito, la repressione ha scoperto un'evasione fiscale per un valore di circa Rs 70 crore ($ 9,4 milioni). Gli scambi di criptovalute hanno accusato la confusione sulle leggi fiscali come motivo del mancato pagamento delle tasse.


Indiatech ha esortato il ministro delle finanze Nirmala Sitharaman a riconoscere le criptovalute come risorse digitali, anziché come valute. L'associazione di settore ha anche raccomandato di imporre una GST fissa del 18% solo sulle commissioni di cambio.



L'India non ha ancora una legge che disciplini direttamente le criptovalute. Un disegno di legge sulla criptovaluta doveva essere preso in considerazione nella sessione invernale del parlamento, ma non è stato ripreso e il governo indiano sta ora rielaborando il disegno di legge.

0 visualizzazioni