• Leonardo Trincia

L'investitore Michael Burry afferma che "la Fed non ha intenzione di combattere l'inflazione

Il gestore di hedge fund Michael Burry, famoso per aver previsto la crisi finanziaria del 2008, afferma che la Federal Reserve "non ha intenzione di combattere l'inflazione". Ha aggiunto che "gli aumenti di mezzo punto seriali della Fed servono per ottenere un'elevazione prima che le azioni e il consumatore scendano"



Il famoso investitore e fondatore della società di investimento Scion Asset Management, Michael Burry, ha condiviso giovedì i suoi pensieri sull'economia, l'inflazione e gli aumenti dei tassi di interesse degli Stati Uniti

.

È meglio conosciuto per essere stato il primo investitore a prevedere e trarre profitto dalla crisi dei mutui subprime statunitensi avvenuta tra il 2007 e il 2010. È descritto in "The Big Short", un libro di Michael Lewis sulla crisi dei mutui, che è stato trasformato in un film interpretato da Christian Bale.


Burry ha twittato giovedì: " La Fed non ha alcuna intenzione di combattere l'inflazione. Gli aumenti seriali di mezzo punto servono per ottenere un'elevazione prima che le azioni e il consumatore si esauriscano."


“Lo stesso con QT a fuoco rapido serraggio quantitativo. La Fed punta a ricaricare il bazooka monetario. Quindi può andare in soccorso e finanziare la spesa fiscale", ha aggiunto Burry.


Al momento in cui scrivo, il suo tweet è stato apprezzato 13.800 volte e ritwittato oltre 2.200 volte. Molte persone su Twitter erano d'accordo con Burry.


Un utente ha scritto: "È corretto che la Fed vorrebbe di nuovo spazio per allentarsi". Un altro ha osservato: “Non solo la Fed. Guarda tutti i banchieri centrali di tutto il mondo che aumentano i tassi in tempi simili e punti base simili. Canada e Cina intorno al 24 di questo mese di 50 punti base. Questo è coordinato e pensano che funzionerà senza grossi crolli”. Un terzo utente ha affermato: "Chiunque non incolpi la Fed per l'inflazione immobiliare fuori controllo, ti sta prendendo in giro".


Il tasso di inflazione negli Stati Uniti è balzato a un massimo di 40 anni dell'8,5% a marzo e ha mostrato pochi segni di rapida inversione, secondo i dati pubblicati questa settimana. Tuttavia, molte persone credono che l'inflazione sia molto peggiore del numero riportato.


Il gold bug Peter Schiff ha commentato giovedì: “Secondo il governo, i prezzi al consumo di marzo sono aumentati dell'8,5% su base annua. I prezzi al consumo sono composti dai prezzi che paghiamo per le cose che importiamo e per le cose che produciamo noi stessi. Ma i prezzi all'importazione di marzo su base annua sono aumentati del 12,5% e i prezzi all'esportazione del 18,8%. Si tratta di un aumento medio del 15,65%!”

Il presidente della Federal Reserve Bank di St. Louis, James Bullard, ha ripetutamente avvertito che la Fed ha bisogno di aumentare i tassi molto più velocemente per combattere l'inflazione. Ha detto al Financial Times questa settimana che è "fantasia" pensare che la Fed possa abbassare sufficientemente l'inflazione senza aumentare i tassi a un livello che vincola l'economia.


Nel frattempo, il governatore della Federal Reserve Christopher Waller ritiene che l'inflazione abbia raggiunto il picco a marzo. Giovedì ha detto: “Prevedo che questo sia praticamente il picco. Comincerà a scendere”.

1 visualizzazione