• Filippo D'agostini

Yemen: per combattere la fame durante la guerra civile un cittadino usa donazioni crypto

Un Redditor residente nella capitale dello Yemen, Sana, afferma di usare le criptovalute per comprare generi alimentari da distribuire alle famiglie bisognose durante la guerra civile in corso.


Stando a un post pubblicato giovedì su Reddit dall’utente Yemenvoice, lo yemenita ha raccolto circa 12.000$ in donazioni crypto da usare per combattere la fame nel paese del Medio Oriente.

Racconta di aver distribuito farina, riso, olio e fagioli a 15 famiglie, e spera di raggiungerne altre 30 nel futuro prossimo.

“Ho cercato in tutti modi di aiutare la mia gente,” spiega Yemenvoice. “Ho provato a creare campagne di donazioni online, ma sfortunatamente tutte le piattaforme per donazioni online non supportano lo Yemen. Quindi, ho pensato di usare le criptovalute come metodo alternativo, ed è stato molto più facile ed efficace.”


La guerra civile in Yemen è iniziata nel 2014, e un anno più tardi il paese è stato oggetto di un embargo per via aerea, terrestre e marittima che ha portato alla mancanza di generi di prima necessità per milioni di persone.

Stando a David Beasley, direttore generale del United Nations World Food Programme, 16 milioni di persone in Yemen “stanno marciando verso la fame,” inclusi 400.000 bambini sotto i cinque anni, con le scorte di cibo già a livelli critici. Yemenvoice sostiene di essere riuscito a “rompere l’assedio” e portare fondi nel paese per comprare generi alimentari usando le criptovalute, tra cui Bitcoin (BTC), Ether (ETH), Bitcoin Cash (BCH), Dogecoin (DOGE) e Nano (NANO).


Stando ai dati sulla blockchain, gli indirizzi di Yemenvoice hanno ricevuto circa 600$ in BTC, 1$ in BCH e 64$ in NANO, ma il Redditor ha aggiunto di aver ricevuto altri 12.000$ in crypto, 3.000$ dei quali sono già stati usati “per pagare spese mediche, comprare medicine, pagare affitti e comprare cibo.”

In seguito ha cercato di fare trading su Binance con i restanti 9.000$, perdendo però quasi tutti i fondi.


“Considero l’importo che ho perso un debito nei confronti della gente, e ho intenzione di pagarlo anche se dovessi vendere una delle mie macchine,” ha affermato il Redditor.


Anche se la storia e l’uso dei fondi non possono essere verificati, molti utenti su Reddit hanno espresso il proprio supporto per il progetto, chiedendosi però come qualcuno potesse usare le crypto in modo efficace in una zona come lo Yemen.

“Se invio una quantità di Bitcoin, mi danno in cambio il valore equivalente in dollari, ma nella valuta locale. Così posso comprare e distribuire questi beni,” ha commentato Yemenvoice. “Presto vedrete negozianti in Yemen che usano Bitcoin e non lo convertono in dollari o nella valuta locale. Soprattutto con il deterioramento delle condizioni di vita e il collasso del riyal yemenita.”


Mentre questo Redditor utilizza le crypto per il bene comune, altri in diversi paesi hanno bypassato le sanzioni degli Stati Uniti o delle Nazioni Unite affidandosi a donazioni in criptovaluta. In Venezuela, le autorità hanno persino approvato tacitamente l’uso delle crypto come misura per evadere le varie sanzioni imposte al paese.

4 visualizzazioni